Gino e Michele, foto di Alessandro Treves