Bicycle Film Festival Milano 2013

Angelo Ferrillo

Cinema, musica, arte ed eventi: tutto questo è il Bicycle Film Festival, rassegna internazionale e itinerante che, dal 13 al 15 dicembre, approda a Milano, stabilendo il quartier generale nelle aree riqualificate di Lambrate.

di Samantha Colombo | 05 dicembre 2013

La bicicletta vista attraverso film e documentari, ma non solo: la cultura delle due ruote abbraccia infatti anche musica, arte figurativa e fotografia, entrando a piè pari nella quotidianità di ognuno di noi. Questo è il senso del Bicycle Film Festival che, dal Lower East Side di New York, dove è nato nel 2001, ha toccato una miriade di città in tutto il mondo.
Dal 13 al 15 dicembre, la rassegna di cinema, arte e musica approda per l’ottava volta a Milano, proponendo corto, medio e lungometraggi in lingua originale (sottotitolati in italiano). Sono oltre 60 le opere selezionate che comprendono documentari, storie di passioni a due ruote, sperimentazioni di video arte e molto altro, ospitate dallo Street Studio di Lambrate.
Accanto alle proiezioni, una serie di eventi ruotano intorno allo Spazio Ventura 15, con Bike Polo, BMX e Cargo Race, senza dimenticare workshop e incontri dedicati ai bambini nella giornata di domenica e a un esclusivo mercatino di oggettistica a vocazione natalizia, XSMALL by Elita.
E il BFF non è solo cinema: la musica è infatti un ingrediente fondamentale e, nelle serate di venerdì e sabato, proprio la partnership con Elita, accanto a Sangue Disken e Trovarobato, darà vita a live e dj set per animare fino a notte fonda le strade del quartiere.
La visione delle due ruote attraverso le varie arti è difatti una caratteristica che ha reso unica questa rassegna internazionale. Per questa edizione milanese, in modo particolare, i riflettori sono puntati sulla mostra “Cicli Illustri” che, in equilibrio tra fascino vintage e spirito d’innovazione, cattura gli sguardi di appassionati e neofiti della bicicletta. “Milano è sempre stato il centro dell’Italia culturale e non mi riferisco solamente alla moda ma a tutto ciò che gira intorno alla cultura. Un esempio ne è il prossimo Expo2015”, spiega Angelo Ferrillo, fotografo professionista e curatore della mostra. “Questo era l’unico punto da cui poteva partire la riscossa della bicicletta. L’Italia tra campioni e artigiani della bicicletta è sempre stata ai vertici mondiali, mentre è tra gli ultimi Paesi del mondo ad utilizzarla. Ci piace pensare che quello a cui stiamo lavorando potrà farci arrivare in alto. Pedalata dopo pedalata!”.
“Cicli Illustri” raccoglie 25 grandi illustratori italiani che, ognuno con la propria sensibilità, esprimono il concetto di bicicletta attraversando i temi di mobilità e sostenibilità, riuniti proprio nel quartiere che ha visto nascere alcune delle stamperie più antiche di Milano e dell’intero Paese, basti pensare alle Arti Grafiche Bazzi, i cui grandi spazi sono stati oggetto di riconversione e sono oggi dedicati ad ospitare la creatività, soprattutto dei giovani talenti, anche in occasione del BFF.
Perché, probabilmente, il potere straordinario di un Fausto Coppi tra le nevi dello Stelvio non è da tutti, ma la bicicletta, giorno dopo giorno e persino nelle grandi città, è sinonimo di libertà, movimento e, non ultimo, rispetto per l’ambiente: il Bicycle Film Festival è l’occasione ideale per vedere con altri occhi e immergersi in questa realtà.

 

I luoghi del Festival

Quartier generale del Bicycle Film Festival di Milano, dal 13 al 15 dicembre, è Lambrate:

Street Studio – via Gaetano Sbodio, 30/6
Ventura 15 – via Ventura, 15
Cavalcavia –  via Rubattino
Exbazzi – via Dei Canzi, 19

Per il programma dettagliato di proiezioni ed eventi: www.bicyclefilmfestival.com/city/milano

 

L’immagine in apertura è di Angelo Ferrillo. 

Commenti

commenti

Be first to comment