Card Otto/Nove Cento

Card OttoNove Cento

Nel 2014, la sinergia tra Museo del Novecento e Galleria d’Arte Moderna dà vita a un abbonamento speciale: in arrivo non solo visite alle mostre, ma anche incontri con autori, laboratori per bambini, concerti e corsi di meditazione zen.

di Samantha Colombo | 18 dicembre 2013

La Card Otto/Nove Cento prende le mosse da un progetto già esistente del Museo del Novecento (una tessera che consente l’ingresso a sale ed eventi dell’Arengario) ma che, dal prossimo anno, abbraccerà anche la Galleria d’Arte Moderna. I titolari potranno infatti avere accesso gratuito a entrambe le realtà di Milano per tutti i dodici mesi e non solo: i musei diventeranno infatti un vero e proprio punto d’incontro per numerosi progetti collaterali, nel nome di cultura e attualità.
L’idea del progetto è quella di creare una vera e propria community di appassionati d’arte che non solo si aggirino per i musei curiosando tra le esposizioni, ma frequentino anche diverse attività: dalle visite guidate organizzate dagli stessi curatori delle mostre ai laboratori creativi per bambini, passando per conversazioni in lingua e persino corsi di meditazione.
Tra le proposte, la più accattivante è “Pepite”, un appuntamento con cinque ospiti illustri pronti a condividere la propria esperienza con gli archivi storici, rimarcando l’importanza della documentazione nel lavoro dell’autore. Curata da Fondazione ISEC Istituto per la Storia dell’Età Contemporanea e dall’Archivio del Lavoro, “Pepite” ricorda quanto possano essere preziosi la scoperta e il confronto delle fonti originali in un’epoca di bulimia informativa. Protagonisti e testimoni d’eccezione Gianantonio Stella, Ascanio Celestini, Elisabetta Vergani, Renato Sarti e Carlo Lucarelli.
È inedito anche il ciclo “Meditazione Zen ed Energia”: qui sono i monaci del Monastero Enso-Ji “Il Cerchio” di Milano a condurre i partecipanti attraverso gli esercizi di risveglio energetico, aiutandoli ad abbandonare la frenesia metropolitana.
Tra le diverse proposte, nei primi mesi del nuovo anno fanno capolino anche appuntamenti come “Giuseppe Verdi e le Arti”, uno speciale laboratorio musicale dedicato ai più piccoli e, sempre in tema di sette note, alcuni concerti curati dal New Made Ensemble.
Sono molti, e non potrebbe essere altrimenti, i soggetti coinvolti nella costruzione di questo universo, tra i quali Humanitas come health partner, Civita e la fucina di idee Storyville.
Per quanto inestimabili siano le collezioni di Museo del Novecento e GAM, la Card punta a far vivere e respirare le realtà museali, portandole nella quotidianità di ognuno, trasformandole in luoghi che vivono e respirano il presente, favorendo l’incontro e ritagliando uno spazio dedicato alla cultura a misura di tutti.
Il costo di Otto/Nove Cento Card, attiva da gennaio per tutto il 2014, è di 30 euro e l’iscrizione comprende una mailing list dedicata con tutti gli aggiornamenti sul programma.

 

Per informazioni, è possibile visitare la pagina Facebook di Card Otto/Nove Cento.

Commenti

commenti

Be first to comment