La città in testa

Milano's Profile Torre Velasca

Portare la propria città nel cuore è cosa risaputa, quello che ha fatto il fotografo Francesco Paleari è metterla in testa, creando con il progetto Milano’s Profile dei ritratti inediti e surreali di Milano. 

di Marilena Roncarà | 20 dicembre 2013

Possono gli edifici di una città, insieme al suo landscape urbano, influenzare la vita delle persone che in quella città ci vivono? Non sappiamo se è esattamente questa la domanda che si è posto il fotografo Francesco Paleari nell’affrontare il progetto “Obiettivo Milano – Scatti di una città che cambia”. Di sicuro il risultato è una raccolta di immagini curiosa e surreale, dove le forme architettoniche si fondono ai profili umani dando vita a ritratti inediti.
Il progetto nasce per un concorso non vinto: “Veniva richiesta un’interpretazione personale e innovativa della città”, ci racconta Francesco Paleari, che prosegue: “da qui l’idea di rappresentare più piani di lettura in un singolo scatto, utilizzando la tecnica dell’esposizione multipla”. In pratica si tratta di due scatti acquisiti in momenti diversi e sovrapposti attraverso il montaggio digitale, ma lavorati nella logica della doppia esposizione a pellicola. Il lavoro è stato facilitato dal tipico cielo novembrino bianco e sospeso della città che, anche se a tutti o quasi i milanesi pare una condanna, oltre che un marchio indiscusso di milanesità, in questo caso ha consentito al fotografo di cogliere gli elementi architettonici già isolati dal contesto atmosferico. Le architetture sono state scelte in un’ottica di riconoscibilità, privilegiando gli elementi simbolo che raccontano ora l’anima storica, ora quella contemporanea del capoluogo lombardo, mentre i soggetti protagonisti sono gli abitanti della città. Ed è così che l’obiettivo di Paleari si compie rappresentando Milano nel suo volto architettonico e riconoscibile, che diventa tutt’uno con le facce e i profili di chi questa città la vive e la anima ogni giorno con le proprie storie. Non resta che godersi i ritratti nella nostra gallery.

 

Info: Francesco Paleari.

 

Commenti

commenti

Be first to comment