Play with food

Play with food

Si inaugura oggi Play with Food, il primo festival di arti visive e performative interamente dedicato al cibo. La quinta edizione si terrà a Torino, dal 26 al 30 marzo.

di Silvia Nigrotti | 26 marzo 2014

Godersi il cibo da una prospettiva diversa e inaspettata. Renderlo il centro di una riflessione artistica aperta e multidisciplinare, valorizzarne l’aspetto ludico, sfruttare gli spunti social che fanno di tutto quello che ruota intorno al food un’occasione di condivisione. Questo l’obiettivo di Cuochivolanti e dell’Associazione CuochiLab, che per il quinto compleanno del festival Play with Food hanno ideato un “menu” di eventi ricco e variegato. Fino al 30 marzo la scena torinese farà da teatro a performance, spettacoli, appuntamenti food, cortometraggi, eventi musicali e installazioni.

Come per gli anni passati i progetti sono stati selezionati attraverso un bando d’idee rivolto ai creativi di ogni settore, ma gli appuntamenti con le performance teatrali saranno raddoppiati rispetto all’edizione 2013.
La serata inaugurale si aprirà oggi alle 18.30 presso lo spazio QuBì, allestito per l’occasione con installazioni fotografiche, schermi video, opere interattive. L’apertura sarà condita da un imperdibile aperitivo preparato dai Cuochivolanti con le primizie offerte dagli sponsor.
Giovedì 27, venerdì 28 e sabato 29 marzo saranno protagonisti le Underground Dinner, cene segrete accompagnate da performance artistiche in luoghi che saranno comunicati ai soli partecipanti, via sms, e il teatro da palco, con gli spettacoli di Interazione Scenica e La Piccionaia – I Carrara TSI.
E quest’anno si inaugura una sezione tutta nuova, dedicata ai più piccoli: il 29 marzo dalle ore 16 presso La Bottega del Caffè, dopo la merenda dei Cuochivolanti, il teatro di figura degli Ostello Marnié proporrà “Banana Cake”, storia di una banana che aspira a diventare una torta.
Il festival si chiuderà sabato 29 marzo alle Officine Corsare con un concerto di Ex-P.
Domenica 30 marzo i partecipanti saranno congedati con una colazione seguita dai cortometraggi selezionati dal Centro Nazionale del Cortometraggio.

Un carnet fitto di appuntamenti per una manifestazione che porta alla luce opere che vanno ben oltre l’intrattenimento gastronomico, che indagano il cibo per consegnare ai visitatori un certo senso della vita e del sentire. Come le figure fluttuanti protagoniste dei bicchieri d’acqua realizzati da Maurizio Modena.
Cosa c’è di più naturale che bere un bicchiere d’acqua? Eppure è possibile prendere coscienza di un gesto fatto senza pensare, per dedicare un pensiero al mondo e alle sue dinamiche. Dell’artista torinese anche l’istallazione interattiva che alla fine dei 4 giorni del festival diventerà il “Manifesto dell’acqua potabile”: un bottiglione con disegnato il mondo e alcuni bicchieri intorno. Un invito a trasformare l’azione più banale e quotidiana in uno spunto di riflessione sul fatto che l’acqua è un diritto e una risorsa di tutti. Chi vorrà potrà consegnare i suoi pensieri a un taccuino e diventare così coautore di una significativa opera collettiva.

Tutti gli appuntamenti del Festival saranno scanditi da piacevoli interludi conviviali a cura dei Cuochivolanti con la collaborazione di piccole imprese locali, selezionate insieme alla Camera di Commercio di Torino. Un’occasione per godersi il mondo food declinato nelle sue sorprendenti possibilità artistiche, senza sensi di colpa!

 

Play with food – La scena del cibo
QUBÌ – via Parma 75, Torino
Per informazioni e prenotazioni: prenota@playwithfood.it
tel. +39 342 35 01 054 (dalle 14 alle 19)

Commenti

commenti

Be first to comment