La nuova Darsena

Iniziano domenica 16 marzo i lavori di riqualificazione di Piazza XXIV Maggio e della Darsena di Milano: un progetto ampio e complesso per trasformare un’area trascurata in un nuovo polo d’attrazione della città. E i Navigli riprendono vita.

di Redazione web | 14 marzo 2014

Mentre più a nord la Galleria Vittorio Emanuele ha da poco iniziato le sue avveniristiche operazioni di restauro (ecco il nostro resoconto completo), più a sud in zona Navigli sta per cominciare la riqualificazione di tutta piazza XXIV Maggio, uno dei centri della movida milanese e una delle zone più trafficate e vivaci della città.
Se i Navigli sono oggetto di rinnovo ormai da parecchi mesi (secondo una versione più soft della proposta del Politecnico di Milano), la piazza accanto vedrà l’apertura dei lavori proprio domenica 16 marzo: le operazioni di riqualificazione avverranno in tre fasi distinte, durante le quali alcune vie saranno interessate da chiusure temporanee e modifiche della viabilità.
Il progetto, firmato dal Comune e da Expo 2015, è sicuramente importante e ambizioso: trasformare entro il 2015 tutta la piazza XXIV Maggio in una terrazza sulla Darsena di Milano, rendendola uno spazio vivace, polifunzionale, ricco di locali, ristoranti, attività, intrattenimenti, una sorta di cuore pulsante del sistema Navigli nonché nuovo polo d’attrazione turistico della città.
La piazza verrà in gran parte pedonalizzata e riservata alla cosiddetta mobilità dolce, ovvero ai mezzi pubblici, ai taxi e alle piste ciclabili. Il mercato comunale è già adesso in corso di rifacimento: sono state da poco innalzate le travi portanti ed è stata effettuata la suddivisione degli spazi secondo le volumetrie dei negozi e dei ristoranti che troveranno la propria sede all’interno del mercato.
Sarà quindi riaperto il corso interrato del Ticinello, che andrà a creare uno specchio d’acqua ai piedi della porta del Cagnola: la pavimentazione sotto l’arco sarà ricomposta secondo un disegno derivato dalle tavole originarie del famoso architetto.
Verranno rifatti i tracciati tranviari e riqualificata l’intera pavimentazione.
Infine non mancherà il verde pubblico: due filari di platani completeranno la sistemazione della parte monumentale.

Tutte queste operazioni di riqualificazioni hanno però un prezzo: sarà infatti stravolta la viabilità locale.

Ecco le modifiche comunicate dal Comune di Milano, fase per fase:

Dal 16 marzo al 30 settembre 2014:
– chiusura al traffico delle vie Gorizia-Manusardi-Scoglio di Quarto-Ascanio Sforza, a fondo chiuso sul lato rivolto al cantiere;
– inversione del senso di marcia di via Lagrange;
– istituzione del doppio senso di marcia in Ascanio Sforza (tratto da Lagrange a Scoglio di Quarto) e in Scoglio di Quarto fino al 15 maggio; successivamente verranno  disposte a senso unico di marcia in direzione di piazza XXIV Maggio e sarà creata una viabilità provvisoria, interna al cantiere, fino a viale Gorizia;
– in corso San Gottardo il transito dei veicoli avverrà con direzione obbligatoria Col di Lana e viceversa;

Dal 1° luglio al 30 settembre 2014:
– chiusura totale di corso San Gottardo e viale Col di Lana

Dal 1° ottobre 2014 fino al 24 febbraio 2015:
– riapertura delle vie interessate dalle fasi 1 e 2 secondo la nuova viabilità, con riduzione ad una corsia per senso di marcia sulla Cerchia dei Bastioni.

 

Foto in apertura il rendering del progetto di riqualificazione della Darsena

Commenti

commenti

Be first to comment