Salone Internazionale del libro

Salone Internazionale del Libro di Torino 2014

Debutta giovedì 8 maggio la ventisettesima edizione del Salone Internazionale del Libro e per 5 giorni Torino sarà la capitale mondiale della lettura. Non mancherà un Salone Off che porterà libri e autori anche fuori dal Lingotto tra le vie e i quartieri della città.

Di Redazione web | 28 aprile 2014

Ci siamo quasi, ancora qualche giorno e Torino sarà a tutti gli effetti l’ombelico del mondo della lettura e della scrittura: da giovedì 8 a lunedì 12 maggio, apre infatti i battenti la 27esima edizione del Salone Internazionale del Libro, scandita dal claim “Bene in vista” che anticipa quel “Bene” che è il tema conduttore di quest’anno. La manifestazione intende puntare l’obiettivo sulle energie, le competenze e le disponibilità di chi vede nella crisi che stiamo vivendo, un’occasione di cambiamento e innovazione vera, abbandonando piuttosto tutte quelle interpretazioni all’insegna della negatività che altro non fanno se non alimentare ragioni di catastrofismo e rassegnazione.
La madrina di quest’edizione è Susanna Tamaro e mentre il filosofo e scrittore spagnolo Fernando Savater, a vent’anni dalla fortunata pubblicazione di Etica per un figlio, arriva al Salone con il nuovo libro Piccola bussola etica per il mondo dedicato soprattutto ai giovani, tocca a Stefano Bartezzaghi disegnare una mappa dei più svariati usi che facciamo della parola “Bene”, ma anche qui tanti sono gli incontri e i dibattiti intorno a questo fil rouge.
Paese ospite d’onore è la Santa Sede, con un grande spazio espositivo che nel padiglione 3 riproduce il selciato di San Pietro e la cupola della basilica, qui, tra i vari eventi, avranno luogo una fitta serie di incontri, come quello tra il cardinale Gianfranco Ravasio e Claudio Magris. Gli altri Paesi rappresentati al Salone sono Albania, Arabia Saudita, Brasile, Francia, Israele, Perù, Polonia, Romania, mentre la Repubblica Federale di Germania, sarà l’ospite d’onore per il 2015.
Sono tutti confermati i marchi editoriali tradizionalmente presenti, a cui si aggiunge circa il 50 per cento degli editori che nel corso della passata edizione hanno debuttato all’interno dell’Incubatore (un bel traguardo!).  È presente anche un’area dedicata all’editoria digitale con A book to the future, dove oltre a presentare 10 startup internazionali che offrono servizi innovativi per la fruizione di contenuti editoriali, si affrontano tutti i temi  legati al futuro della lettura da eBook e multimedia a Book to the future, appunto.

Tra gli ospiti internazionali il narratore inglese Robert Harris, con il suo nuovo romanzo sul caso Dreyfus, il maestro del romanzo storico Ildefonso Falcones,  il fotografo statunitense Steve McCurry, maestro del reportage fotografico ed eccezionale narratore per immagini e ancora Serge Latouche, il maestro della decrescita felice. Tra gli italiani saranno presenti Massimo Cacciari che, con il suo nuovo libro Labirinto filosofico dialoga con Federico Varcellone, Nicola Gratteri e Alessandro Nicaso, che ricostruiscono i linguaggi e le coperture di cui gode la criminalità organizzata, mentre Giuliano Ferrara terrà una conversazione dal titolo Questo Papa piace troppo, controcanto critico al coro di consensi tributato a Papa Francesco. Tra le presenze segnaliamo anche Piergiorgio Odifreddi, Vittorio Feltri, Michele Serra, Giovanni Floris, Concita De Gregorio, Francesco Piccoli e tantissimi altri.

Il padiglione 1 nel suo allestimento tutto nuovo è dedicato agli editori indipendenti, grazie al progetto Officina Editoria di Progetto curato da Giuseppe Culicchia. Sempre nel padiglione 1 torna la Lounge del Salone, uno spazio di 400 metri quadri interamente dedicato all’enogastronomia, riservato al ristoro di espositori, autori, ospiti e giornalisti.
A proposito di enogastronomia è confermata nel Padiglione 2 Casa CookBook, un’area interamente dedicata alle pubblicazioni di cucina e di enogastronomia, mentre in Tentazione e Meditazione viene schierato il meglio degli chocolatiers di Torino e Piemonte in un programma di incontri con scrittori e produttori. Ma ancora tanti sono gli eventi e i progetti speciali in programma (per l’elenco completo vedete qui), dal Bookstock Village per i giovani lettori da 0 a 20 anni, alla tradizionale festa finale Adotta uno scrittore, che ha portato 24 scrittori nelle classi delle scuole medie e superiori del Piemonte.

Come tutte le fiere che si rispettano anche qui c’è il Salone Off, nato dall’intuizione di portare libri, autori e spettacoli fuori dai padiglioni fieristici, tra le vie e i quartieri di Torino, in centro, in periferia e nei comuni della provincia (per la prima volta aderiscono all’iniziativa tutte le 10 circoscrizioni torinesi), per un totale di oltre 150 luoghi coinvolti che ospiteranno più di 500 appuntamenti, quasi tutti a ingresso gratuito. Tra i vari eventi segnaliamo CarminaOff, che depositerà a sorpresa testi lirici e poetici nelle vetrine dei negozi e in tanti quartieri della città, illuminando di poesia la quotidianità di questi giorni speciali e tutto in lingua originale: dall’italiano al volgare, dal greco antico, al francese, all’inglese, dall’arabo al persiano, al sanscrito, dall’ebraico, allo swaili, al giapponese.

Torna infine anche per questa edizione l’app gratuita scaricata lo scorso anno da 20.000 utenti, con il lettore di QR Code integrato e i tag per scoprire nel mare magnum degli eventi dove trovare il proprio autore preferito o il personaggio cult del momento.

Appuntamento per tutti nei quattro padiglioni del Lingotto Fiera, precisamente, l’1, il 2, il 3 e il 5.
Tag ufficiali dell’evento #SalTo14 e #SalToff per il Salone Off.

 

Info
XXVII Salone Internazionale del libro
Lingotto Fiere
Via Nizza 280, Torino

Da giovedì 8 a lunedì 12 maggio 2014

Orari
giovedì, domenica, lunedì 10 – 22
venerdì – sabato  10 – 23

Biglietto intero 10.00 €, ridotto 8.00 €

 

Salone Off
11° edizione
Le 10 Circoscrizioni di Torino, Chivasso, Moncalieri, Settimo, Pinerolo, Orbassano e Rivoli

Salone internazionale del libro 2014

Commenti

commenti

Be first to comment