Beppe Bergomi, foto di Matteo Cherubini