Letture a cielo aperto

Biblioteca Parco Sempione

Estate in città è anche voglia di stare all’aperto per leggere un libro. In molte biblioteche rionali milanesi si può, grazie agli spazi verdi aperti agli utenti nella bella stagione, che completano il servizio di prestito gratuito di libri, riviste, cd musicali e dvd.

di Silvia Nigrotti | 17 luglio 2014

Milano è la città dei giardini segreti (come i bellissimi cortili nascosti dietro i palazzi della città) e sempre di più anche le biblioteche si attrezzano per offrire ai frequentatori estivi angoli verdi ricchi di alberi ombrosi e siepi profumate. Un vero e proprio rifugio metropolitano, ideale per studenti e visitatori in cerca di un posticino tranquillo dove dedicarsi alla lettura.

La più conosciuta è senz’altro la biblioteca del Parco Sempione, immersa nel verde di quello che è considerato uno dei giardini più belli di Milano. Piccola e accogliente, gli spazi al chiuso di questa biblioteca sono comodi e senza fronzoli, incorniciati dalle ampie vetrate che danno sugli alti platani. Gradevole soprattutto in estate, quando è possibile prendere posto a uno dei tavoli all’aperto, o concedersi una pausa ristoratrice nel verde del parco.

Ci sarete senz’altro passati davanti, sul tram 24 o camminando lungo corso di Porta Vigentina, magari chiedendovi che cosa fosse questo piccolo giardino con i tavolini sul prato e le sedie sparse tutt’intorno, fra le margherite e i resti della cinquecentesca chiesa di S. Bernardo. Sembra il giardino segreto di una villa privata, celato dietro alla facciata neoclassica del palazzo, e invece è il giardino di lettura di pertinenza della biblioteca di Porta Vigentina. Un nido riparato dal traffico del centro, perfetto per leggere all’aperto e concentrarsi per le sessioni estive d’esame.

Molto ampio, circa mille metri quadrati, è il giardino della biblioteca Fra Cristoforo, zona Chiesa Rossa. Ci si può sedere a leggere sulle panche di legno vicine ai tavoli un libro preso in prestito o portato da casa, riparati dagli alberi ad alto fusto posti a sentinella di quello che era l’esterno di una scuola materna.  All’ombra delle querce e dei sambuchi, sotto alle due pergole incorniciate dal verde dei rampicanti, vi sembrerà di essere altrove, lontano dall’afa della periferia milanese.

Quella di via Odazio è una piccola biblioteca di zona immersa in un parchetto dietro via Lorenteggio, raccolta e non troppo rinomata ma con un patrimonio librario e di periodici consistente, e dotata di un archivio multimediale di tutto rispetto. L’area di lettura esterna è accessibile solo nella bella stagione, ma godibile tutto l’anno attraverso le grandi vetrate che danno sul giardino. Magari qui non troverete quel volume rarissimo che cercate da anni, ma è il posto ideale per dedicarsi allo studio: silenziosa e riservata, raramente la biblioteca Lorenteggio è presa d’assalto dai giovani in odore d’esame.

Segni particolari della biblioteca Crescenzago, in zona Padova? Un giardino di lettura di circa centocinquanta metri quadrati popolato da tigli profumati, betulle, un pino e siepi tutt’intorno, panchine e tavolini ben ombreggiati dove troverete soprattutto studenti concentrati per l’ultimo sforzo prima delle vacanze. E uno scaffale multiculturale ben fornito di volumi in lingua originale, sia nella sezione adulti che nella sezione ragazzi, dizionarietti tascabili e corsi di lingue per favorire l’apprendimento dell’italiano: per una cultura che integra le comunità straniere e non le ghettizza.

Ma i giardini di lettura racchiusi dentro i confini delle biblioteche rionali della città non sono le uniche oasi metropolitane che si scovano andando a caccia di libri. Ci sono esperienze di successo come la biblioteca condominiale di via Rembrandt 12, che fanno dubitare che Milano sia troppo affannata per dedicarsi all’ozio della lettura. Un tavolone centrale, un divanetto, qualche sedia, scaffalature alte fino al soffitto zeppe di libri…. Et voilà! La biblioteca è fatta.
L’ideatore di questa particolare biblioteca sostiene di aver così risolto “il dramma dell’ascensore”: di cosa parlare con i condomini che si incrociano tutti i giorni per pochi minuti, giusto il tempo di raggiungere il nostro piano? Di libri, naturalmente. E se una recente ricerca ha appurato che persino a New York il nuovo must che fa vendere case non è più la presenza della piscina o della palestra condominiale, ma della biblioteca condivisa, c’è da credere al successo di un’intuizione che smentisce le statistiche: Milano legge, legge eccome.

 

Biblioteca Parco Sempione
via Cervantes (zona Montetordo)

BIiblioteca Vigentina
Corso di Porta Vigentina 15

Biblioteca Fra Cristoforo
Via Fra Cristoforo 6

Biblioteca Lorenteggio
Via Odazio 9

Biblioteca Crescenzago
Viale Don Orione 19

Biblioteca Rembrandt
Via Rembrandt 12

 

Vedi anche: Parchi e Giardini di Milano

In apertura immagine della Biblioteca del Parco Sempione.

Commenti

commenti

Be first to comment