Insolite soggettive

Drone Jumping Sumo, Parrot

Droni, smartphone, action cam: la fotocamera non è più l’unico strumento di elezione per scattare immagini. Tranne quando sfodera le unghie e mette in campo qualcosa di più.

di Paolo Crespi

Fotografia: a circa duecento anni dalla sua invenzione e a venticinque dall’inizio della conversione al digitale, quasi tutto è cambiato nella tecnologia e nella pratica sociale della registrazione delle immagini. Nell’epoca dei “selfie” e dei guar-droni, la classica fotocamera è solo uno dei mezzi utilizzati a livello di massa per immortalare e condividere, attraverso le foto (e i video), un evento, pubblico o privato, o un’emozione.
I concorrenti della macchina fotografica (che naturalmente esiste e resiste in ambito professionale e tra gli utenti consumer più evoluti) spuntano ovunque e si tratta ovviamente, in prima battuta, degli onnipresenti telefonini. I nostri inseparabili device sono come pistole cariche, sempre pronte a scattare e colpire. Ma non sono tutti uguali. Quelli specializzati nel digital imaging hanno sensori e ottiche fuori dal comune, non di rado superiori per qualità e potenza agli omologhi delle compatte digitali. Con algoritmi in grado di produrre già in fase di ripresa fotografie dai colori brillanti, luminose e ben contrastate, oltre che ad altissima risoluzione.
Ai tifosi dello smartwatching si affiancano oggi, quasi altrettanto numerosi, i patiti delle action cam, le piccole videocamere dalle grandi prestazioni, ideali per essere “indossate” o fissate a vari supporti durante le attività sportive, più o meno estreme. Le riprese in soggettiva piacciono e funzionano quasi sempre, grazie all’obiettivo grandangolare, che include facilmente tutto e tutti. Unico handicap, l’impossibilità di visualizzare su un display i soggetti in movimento. Un altro fronte molto promettente è quello rappresentato dai cosiddetti “droni”: elicotteri, quadricopteri, oggetti volanti non meglio identificati che, grazie alla loro maneggevolezza, riescono a portare il punto di vista dove l’occhio umano non potrebbe arrivare senza questo tipo di protesi teleguidate. Le riprese aeree (video o foto in HD) sono molto efficaci e, se utilizzate con parsimonia e intelligenza, sono un valore aggiunto alla portata di molti appassionati che possono oltretutto controllare in diretta, su telefonino o tablet, le spettacolari riprese. E le versioni “terrestri” dei droni offrono contributi altrettanto interessanti alla creazione di un nuovo linguaggio audiovisivo… Per interposto telecomando.

 

A ognuno il sul click
Fare foto e video è diventata una moda e bisogna essere in grado di farlo in ogni condizione e con inquadrature insolite.

 

Nilox, F-60 Evo

Nilox – F-60 Evo
L’ultima generazione di action cam permette la condivisione delle foto da 16 MP e dei video full HD grazie al campo Wi-Fi e a un’apposita app. L’obiettivo grandangolare è modulabile.
www.nilox.it

 

Canon - PowerShot G1X Mark II

Canon – PowerShot G1X Mark II
La nuova compatta digitale ha caratteristiche avanzate grazie al veloce processore Digic 6, che permette di scattare raffiche di immagini e di gestire il video full HD con audio stereo.
www.canon.it

 

Nokia - Lumia 930

Nokia – Lumia 930
Schermo OLED da 5 pollici, fotocamera stabilizzata da 20 MP, quattro microfoni integrati e ottica Zeiss di qualità: il nuovo smartphone rappresenta lo stato dell’arte per foto e video da cellulare.
www.nokia.it

 

Panasonic, HX-A500

Panasonic – HX-A500
Leggerissima e compatta, è la prima camcorder 4k 25 p “indossabile”. Resistente all’acqua e dotata di display a colori, sfoggia la funzione “slow motion”, ideale per le riprese sportive.
www.panasonic.it

 

 

Parrot, Jumping Sumo

Parrot – Jumping Sumo
Veloce, iper-reattivo, gira come una trottola su se stesso, corre a zig-zag, ruota di 90° e 180° e salta fino 80 cm in lunghezza e altezza. E la telecamera incorporata fa faville.
www.parrot.it

 

In apertura:  Jumping Sumo, un modello di drone terrestre con telecamera incorporata, a marchio Parrot.

Articolo pubblicato su Club Milano 21, luglio – agosto 2014. Clicca qui per scaricare il magazine. 

Commenti

commenti

Be first to comment