Segnali dal Mittelfest

Bubenicek, Mittelfest

Torna dal 19 al 27 luglio la 23esima edizione del Mittelfest che, a 100 anni esatti dallo scoppio della prima guerra mondiale, si confronta con le inquietudini dell’Europa di oggi. In cartellone anche Stefano Bollani, nella duplice veste di musicista e attore, Adriana Asti, Jan Faber e tanta danza.

di Redazione web | 18 luglio 2014

Stando al detto “chi ben comincia…” il Mittelfest di Cividale del Friuli è già a metà dell’opera: è infatti stato affidato a Riccardo Muti il prologo del 6 luglio della kermesse, quando davanti a oltre 7 mila spettatori il Maestro ha diretto la Messa da Requiem di Verdi eseguita nel maestoso scenario di Redipuglia, da oltre 400 artisti provenienti da tutto il mondo.
Ed è proprio la forte connotazione internazionale a caratterizzare tutto il Festival che quest’anno ospita 10 Paesi dell’area centro europea, tra Austria, Croazia, Germania, Repubblica Ceca, Serbia, Slovenia, Svizzera, fino a Paesi Bassi e Kazakistan. Tema e filo conduttore della 23esima edizione è “Segnali. Cartografia della Bellezza inquieta”, proprio a partire dai turbamenti che percorrono l’Europa di oggi.

Le proposte sono articolate in 8 ambiti tematici: musica, danza, teatro, cinema, marionette & burattini e se il percorso Segnali a Sud Est segna il ritorno a Cividale della compagnia di Lubiana Slovensko mladinsko gledališče con uno spettacolo (Dannato sia il traditore della patria sua) di Oliver Frljić, uno dei più interessanti e controversi registi croati di nuova generazione, la danza è la grande protagonista del percorso Segnali per la bellezza. Per la giornata d’esordio è infatti atteso, nella centralissima Piazza Duomo, il gala Le souffle de l’esprit, con protagonisti Jiří e Otto Bubeníček, i due gemelli della Repubblica Ceca (già al fianco di Roberto Bolle) discendenti da un’antica famiglia circense e capaci di trasformare la propria potenza atletica in coreografia. Mentre a suggellare il Festival domenica 27 luglio, arriva la compagnia di Rotterdam Scapino Ballet che con il Combattimento Consort di Amsterdam porta in scena Pearl, su musiche di Vivaldi, de Visée e Merula eseguite dal vivo.

Sarà invece in duplice veste la presenza di Stefano Bollani a Cividale che, se nei propri panni più abituali è protagonista del concerto Bollani solo, diventa invece autore-attore dello spettacolo La Regina Dada scritto con l’attrice Valentina Cenni e in programma il 27 luglio.
Tra i tanti spettacoli in cartellone segnaliamo FaustIn & Out, scritto nel 2010 dal Premio Nobel per la letteratura Elfride Jelinek e messo in scena dall’Accademia degli Artefatti di Fabrizio Arcuri; Attends, attends, attends… (pour mon père) creato appositamente per il performer Cédric Charron da Jan Faber, che per la prima volta arriva a Cividale; fino a La Parola padre di Gabriele Vacis, uno dei maestri del teatro italiano contemporaneo.
Infine su tutti citiamo ancora, ma per il programma completo vedete qui,  lo spettacolo di sabato 26 luglio Danza macabra di August Strindberg, firmato da Luca Ronconi e con protagonista una straordinaria Adriana Asti: una combinazione formidabile tra un drammaturgo misogino, un’attrice potentissima e un maestro della regia.

 

Mittelfest
Cividale del Friuli
19 – 27 luglio 2014

Info

In apertura immagine da Le souffle de l’esprit con Jiří e Otto Bubeníček. In  chiusura immagine dello spettacolo Attends, attends, attends… (pour mon père) di Jan Faber.

Attends, Jan Faber, Mittelfest

Commenti

commenti

Be first to comment