Video Sound Art

Yannick Jacques

Il videomapping è il tema portante della quarta edizione di Video Sound Art, festival milanese dedicato all’ibridazione tra arti visive e tecnologie, dalla motion graphics alla musica, dal disegno all’elettronica. Fino a venerdì 11 luglio.

di Redazione web | 8 luglio 2014

Motion graphics, video arte, musica, tecnologie: tutta la cultura visiva contemporanea si ritrova alla quarta edizione di Video Sound Art, festival milanese che propone l’eccellenza dell’arte visiva dei nostri giorni.
Questa ibridazione tra tecnologie e metodi di comunicazione artistica (trovano infatti spazio anche il disegno e il teatro, ad esempio) ha la sua naturale sede al Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, dove gli allestimenti sono visitabili gratuitamente fino a venerdì 11 luglio (i concerti sono a pagamento). Nei grandi spazi del Museo, che sostiene il progetto insieme al Comune di Milano, verranno proiettate le migliori realizzazioni video provenienti da giovani creativi di tutto il mondo: punto di partenza del festival è infatti proprio l’attento processo di selezione dei talenti emergenti, effettuato negli scorsi mesi con un’open call pubblica.

Concepito sul modello dei festival tecno-artistici internazionali, come il Onedotzero di Londra e il Pictoplasma di Berlino, il progetto milanese è realizzato dall’organizzazione culturale Le Cicale dell’Arconte sotto la direzione artistica di Laura Lamonea.
L’argomento dell’ibridazione e della contaminazione di linguaggi e strumenti tecnologici viene perseguito anche quest’anno grazie a una forte presenza di animazioni realizzate con la tecnica del videomapping, punto focale di questa edizione, attraversata dal filo conduttore del tema «The Man into the map», liberamente interpretato dagli artisti presenti. Padrino e ispiratore sarà l’illustratore milanese Beppe Giacobbe. Accanto a lui, tra gli altri artisti, il gruppo europeo AntiVJ, il tedesco Frieder Weiss, lo svizzero Yannick Jacquet e il torinese Rajan Craveri.

Autrice del programma musicale, a cura dell’artista svizzera Iokoi, sarà la cantautrice californiana Julia Holter (mercoledì 9, ore 21)  e per i cultori della musica elettronica, da non perdere Fabrizio Somma AKA K-Conjog (venerdì 11, ore 22) e le performance dei musicisti del IOIC (Institute of Incoherent Cinematography) di Zurigo, che realizzano originali sonorizzazioni live di film muti.
Giovedì 10, ore 22, concerto di Arirang e a seguire, Death of a Cheerleader.

Qui puoi scaricare il programma completo.

 

fino a venerdì 11 luglio
Video Sound Art
Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci
via San Vittore, 21

Foto in apertura: un progetto di Yannick Jaquet

Commenti

commenti

Be first to comment