Histoire d’eau

L’acqua è fonte d’ispirazione per i progetti più disparati: da quelli attenti al problema della sostenibilità alle costruzioni fluide dell’architettura organica, passando per festival dedicati all’home design e mostre che sondano la” profondità culturale” del Mediterraneo.

di Alessia Delisi

Tra il Bosforo e lo Stretto di Gibilterra, dove Ercole pose le sue colonne, si estende un mare che solo l’eroe di Jules Verne, Keraban il testardo, e l’Ulisse dantesco osarono sfidare. A queste acque – superficie liquida di scambi non solo economici, ma anche culturali e religiosi – la Triennale di Milano dedica, fino al 24 agosto, la mostra The Sea isMy Land: 22 artisti di fama internazionale creano una conversazione polifonica sui diversi modi di intendere la propria mediterraneità e traghettano il visitatore da un’isola creativa a un’altra. Che si tratti di questo mare verde e blu, che come una linea infinita attraversa tutti gli immaginari del turismo globale, o delle grandi piscine fatte costruire ai bordi delle proprie case, il tema dell’acqua accomuna storie, aneddoti, sogni, visioni e riflessioni e ispira le creazioni di architetti e designer. Prima che metafora del desiderio di sapere, la sete è infatti bisogno di un bene primario, di una fonte di vita preziosa perché non rinnovabile. Allo scopo di tutelarla, l’azienda ungherese Ivanka ha presentato all’ultimo Fuorisalone il progetto The Water of Life, un rivoluzionario sistema di superfici e cisterne in grado di raccogliere la pioggia e trasformarla in acqua potabile. Accanto al design attento al problema della sostenibilità, l’acqua ispira progetti di architettura “liquida”, per usare un’espressione del sociologo Zygmunt Bauman, capace cioè di inserirsi in modo organico all’interno dell’ambiente che la circonda: ne sono un esempio gli spazi fluidi progettati dal celebre architetto anglo-iracheno Zaha Hadid, come la Roca London Gallery o il London Aquatics Centre.
Ma l’acqua è anche responsabile di una vera e propria rivoluzione degli ambienti domestici: si pensi alla trasformazione del bagno da loculo nascosto, un tempo all’esterno della casa, a luogo di benessere dotato di vasche idromassaggio, docce con cromoterapia e lavabi dalle forme e dai materiali più svariati. A questo percorso evolutivo, e a tutte le possibilità che l’acqua offre alla progettazione sia indoor sia outdoor, è dedicata la quarta edizione del Bologna Water Design che, dal 22 al 27 settembre, negli spazi dell’Ex Ospedale dei Bastardini, presenterà i progetti realizzati dalle migliori aziende del settore.

 

La forma dell’acqua
L’acqua in tutte le sue manifestazioni: è il tema di una serie di prodotti che spaziano dalla moda all’home design.

 

Villa Buti - Acquamarina

Villa Buti – Acquamarina

Villa Buti – Acquamarina
Evoca l’incanto di una spiaggia assolata del Mediterraneo, la fragranza per ambienti di questo marchio nato dalle molte affinità olfattive tra l’inglese Doris Buti e il marito di origini toscane.
www.villabuti.it

 

Calligaris - L’Eau

Calligaris – L’Eau

Calligaris – L’Eau
Motivo a onde d’acqua per questa sedia leggera, dalla struttura in metallo e la scocca in tecnopolimero.
www.calligaris.it

 

Zaha Hadid Architects - Liquid Glacial Table

Zaha Hadid Architects – Liquid Glacial Table

Zaha Hadid Architects – Liquid Glacial Table
Realizzato da Patrick Schumacher e definito dal London Design Museum come uno dei migliori progetti del 2012, questo tavolo in plexiglas trasparente sembra mosso da lievi increspature e vortici intensi.
www.zaha-hadid.comwww.artsy.net

 

M-M (Paris) - The Carpetalogue, Sirène, 2012

M-M (Paris) – The Carpetalogue, Sirène, 2012

M-M (Paris) – The Carpetalogue, Sirène, 2012
Loro sono Michael Amzalag e Mathias Augustyniak che, per i vent’anni del celebre studio grafico, hanno realizzato questo tappeto che raffigura un’affascinante sirena.
www.mmparis.com

 

Hunter Original

Hunter Original

 

Hunter Original
Vanta il prestigio di vestire la famiglia reale britannica, lo storico brand inglese celebre per la sua collezione di stivali da pioggia.
www.hunter-boot.com

 

Commenti

commenti

Be first to comment