La danza di MilanOltre

Water STories, ph Rhys Cozens, MilanOltre

Dal 27 settembre al 12 ottobre la danza torna protagonista grazie al Festival MilanOltre che, giunto quest’anno alla sua XXVIII edizione, presenta il meglio del panorama nazionale e internazionale tra 25 titoli in cartellone, 10 prime nazionali, 1 prima europea e 1 prima assoluta.

di Marilena Roncarà | 7 agosto 2014

Trasversale, esplorativo, allergico alle barriere tra i linguaggi, torna anche quest’anno il Festival MilanOltre che dal 27 settembre al 12 ottobre porta in città, negli spazi del Teatro dell’Elfo Puccini il meglio della danza italiana e internazionale, avvicinando in un’unica proposta il balletto, alla danza contemporanea, al teatro-danza, alla performance.

Tre sono i focus di quest’edizione: l’interprete anglo-indiano Askash Odedra, stella nascente del panorama coreografico inglese che combina in un raffinato meticciato il linguaggio tradizionale indiano, il Kathak e il Bharata Natyam, con la danza contemporanea; la National Dance Company Wales e il Balletto di Roma. Mentre la sezione Vetrina Italia propone una panoramica delle migliori proposte della danza italiana contemporanea.

Si comincia il 27 settembre proprio da Askash Odedra che porta in scena il suo Rising, uno spettacolo firmato dallo stesso Odedra e da altri 3 coreografi: Russell Maliphant, Akram Khan e Sidi Larbi Cherkaoui. Mentre il giorno dopo è la volta di Tatha (spettacolo in prima europea), per la coreografia di Sidi Larbi Cherkaoui e dove Odedra è affiancato da una straordinaria danzatrice indiana Sanjukta Sinha a rappresentare un crescendo di atmosfere intime tra due amanti.

Il focus dedicato al Balletto di Roma esalta il repertorio di una delle compagnie più longeve d’Italia anche nota per l’eccellenza dei suoi danzatori. Tra i titoli in cartellone segnaliamo quel Contemporary Tango, in scena il 2 ottobre,  firmato da Milena Zullo che vede protagonista maschile e ospite speciale Kledi Kadiu.

Dal 4 al 7 ottobre è invece la volta volta della National Dance Company Wales, una compagnia di rilevanza nazionale per il Galles che propone alcuni lavori del suo ricchissimo repertorio, tra cui Mythlogy (creazione sulla capacità di lasciarsi andare), Purlieus (un gioco tra luci e il buio per creare ambiguità spaziale), Dream (celebrazione del godimento puro), fino all’acquatica Water Stories, ispirata al magico mondo dei paesaggi gallesi.

Tra gli appuntamento di Vetrina Italia citiamo iLove, un duetto sull’amore maschile in cartellone il 10 ottobre e Berlin isn’t you sulla mancanza come sensazione fisico-emotiva, in programma il giorno successivo, entrambi di Fattoria Vittadini. Sempre l’11 ottobre la Compagnia Susanna Beltrami mette in danza colori, linee tumultuose e quasi folli di KandiskiJ in Der Gelbe Klang (Il Suono Giallo), mentre il Festival chiude poi il 12 ottobre con Orphan, il nuovo lavoro di Simona Bertozzi sulla ricerca di un proprio spazio e sulla vertigine della conquista.

Segnaliamo anche il pomeriggio di parole, incontri, immagini e suggestioni su danza, pittura e cinema a cura di Francesca Alfano Miglietti, con tra gli ospiti anche Umberto Galimberti, ma per il programma completo vedete qui.

 

MilanOltre Festival
2014 XXVIII Edizione

27 settembre – 12 ottobre

Teatro Elfo Puccini
Corso Buenos Aires 33, Milano

 

In apertura: Water Stories, foto di Rhys Cozens.

 

Commenti

commenti

Be first to comment