Gad Lerner

Gad Lerner, Foto di Gianluca Marino

IL VALORE DELLA CURIOSITÀ

 Il suo approccio alla professione parte dagli scritti del suo maestro Giorgio Bocca e da un giornalismo che forse non c’è più. Lo abbiamo incontrato a Collisioni, Festival di Letteratura e Musica che si tiene nelle Langhe cuneesi. Nato a Beirut da genitori ebrei egiziani si è sempre contraddistinto per i suoi toni misurati: non ama le urla alla Beppe Grillo o gli eccessi alla Travaglio, fuma il sigaro toscano e produce vino, sempre lì, nelle Langhe, tra un governo e l’altro al potere, tra una trasmissione chiusa dopo anni (l’Infedele) e una spinosa questione che lo tocca profondamente, la guerra tra Palestina e Israele.

di Nadia Afragola
Foto di Gianluca Marino

 

Crede che sia verosimile affermare che il giornalismo d’inchiesta non avrà più spazio nei palinsesti e nei giornali?
Sono sicuro che attraverso nuovi canali e il collasso del modello attuale che predilige la contrapposizione tra opinionisti, si possa fare ancora qualcosa di buono. Emergeranno figure da dove meno lo si aspetta, dai nuovi media invece che dai giornali tradizionali: esattamente come successe nel dopoguerra.

Salotti televisivi e talk show: c’è speranza di rinascita?
Solo se prima si ripulisce l’ambiente. Serve una catarsi o una catastrofe: dipende dai punti di vista. La Rai deve comunque dimagrire. I talk show vogliono come protagonisti i tuttologi e meglio se sono sempre gli stessi, perché sai come reagiscono. Parliamo di personaggi della commedia dell’arte e di un meccanismo logoro in netta contrapposizione a quel giornalismo d’inchiesta tanto caro a Bocca. 

Giornalismo-casta vs giornalismo meritocratico. Che futuro avremo?
Sarà un giornalismo più povero, si guadagnerà meno e ci sarà una selezione naturale. I giovani che si avvicineranno alla professione non lo faranno pensando di arricchirsi o per ottenere ascesa sociale. Sarà un mestiere sfigato e non sarà certo un male! È odioso detto da me oggi, che ho tratto profitto e benessere da questa professione, ma quando iniziai l’ultimo motivo per cui lo feci furono i soldi.

Guarda con scetticismo a quella che oggi viene chiamata comunicazione 2.0?
Non sono pessimista. È una straordinaria innovazione poter condividere in tempo reale le notizie in rete, mettendo anche in conto le controindicazioni e cioè che molte di quelle notizie in realtà sono solo delle palle.

Ha aspettato 27 anni per avere la nazionalità italiana. Oggi quel “foglio” vale ancora qualcosa, in un’Italia che fatica a stare in piedi?
Vale un tesoro. Chi ha faticato per conseguirla ne è consapevole più degli altri, perché sa cosa vuol dire dover dormire con l’ansia di un permesso di soggiorno in scadenza. Quel passaporto mi ha permesso di ritornare in Libano, dove sono nato e acquista una dimensione sovrana per quello che ha scritto sulla copertina: Unione Europea.

Nel 2000 quando era direttore del TG1, a seguito di polemiche scaturite da un servizio sulla pedofilia diede le dimissioni. Il suo gesto fece discutere. Perché in Italia non siamo più abituati a gente che sbaglia?
L’errore ci fu e fu collettivo, dell’intera struttura: in base alla legge vigente all’epoca il responsabile era il direttore e pagai, anche se l’errore non era poi così grave. Quei filmati oggi farebbero sorridere, ma all’epoca crearono un clima non idoneo a continuare il lavoro iniziato pochi mesi prima.

Ha vissuto in Palestina, in Israele c’è parte della sua famiglia, nel mezzo una guerra civile in cui per ora perdono tutti. Lei da che parte sta?
La mia speranza è che da entrambe le parti si sviluppi il dissenso e l’autocritica. Un amico che oggi non c’è più, Alexander Langer, parlando dei Balcani disse che servono persone capaci di sviluppare senso critico, servono i dissidenti capaci di arrivare a parlare ai leader delle due fazioni, non serve cavalcare l’odio. 

Vive a Milano dall’età di tre anni. Com’è oggi questa città?
Ho vissuto la Milano della crisi ai tempi della recessione e ho visto diminuire il traffico privato, non solo per il lievitare del costo del carburante. Sono aumentate le diseguaglianze, anche l’indifferenza. Un tempo c’era più attenzione verso i deboli, oggi l’agiatezza porta sempre più spesso a quel fenomeno che io chiamo della cecità sociale.

 Expo 2015: perché l’Italia si riscopre ancora una volta provinciale e tangentista?
Da molti anni le imprese sono abituate a un mercato che occorre spartire, dove un rapporto di buon vicinato è meglio del rischio. Così ci siamo disabituati alla libera concorrenza. Il problema non è mica Expo! Parlerei di declino della creatività.

È un acceso sostenitore dell’Inter, a lei Mazzarri convince? Non era meglio, per una volta, emulare i cugini e dare in mano la squadra a una bandiera? Loro Inzaghi, voi Zanetti.
Sono in totale dissenso dalla scelta dei cugini. Il Milan ha improvvisato, sono per gli allenatori esperti e sono soddisfatto delle scelte dell’Inter.

Cosa augura Gad Lerner a se stesso alla soglia dei sessant’anni?
Di non smarrire mai la molla della curiosità che mi ha sempre spinto ad andare oltre, la stessa che portava Bocca ottantenne a guardarsi intorno sempre come se ne avesse venti di anni. Non sarò mai Bocca: devi aver vissuto la sua vita per poter ambire a tanto. Mi auguro solo di mantenere e sviluppare quella straordinaria curiosità.

 

Intervista pubblicata su Club Milano 22, settembre – ottobre 2014. Clicca qui per scaricare il magazine.

Commenti

commenti

Be first to comment