Salone del Gusto

Salone del Gusto 2012

A pochi mesi dall’Expo di Milano, Torino prende in mano le redini della gastronomia internazionale con la decima edizione del Salone del Gusto, grande evento fieristico che richiama nella città sabauda oltre 1000 espositori da tutto il mondo.

di Redazione web | 15 ottobre 2014

È il 1996 quando nella ex-fabbrica del Lingotto di Torino debutta Il Salone del Gusto: organizzato da Slow Food Italia, per la prima volta un evento fieristico si occupa in maniera specifica delle piccole produzioni agricole e alimentari. Dopo quasi 20 anni, 8 edizioni alle spalle e una nuova denominazione ufficiale, il Salone del Gusto e Terra Madre è diventato oggi una vera istituzione: quest’anno dal 23 al 27 ottobre Torino torna così ad essere capitale internazionale della gastronomia, con oltre 1000 espositori provenienti da 100 Paesi, Mercati della Terra internazionali, 1000 etichette di vino, oltre 200 appuntamenti, incontri, corsi di cucina, laboratori.

I temi del Salone 2014, ormai giunto alla decima edizione, sono l’Arca del Gusto e l’agricoltura familiare.
L’Arca del Gusto, lanciata proprio al Salone nel 1996, è un grande archivio destinato alla raccolta dei prodotti a rischio di scomparsa, prodotti legati a culture, terre e tradizioni di tutto il pianeta e che in virtù della loro biodiversità necessitano di essere salvaguardati (anche attraverso il consumo e il sostegno ai produttori). Per fare un esempio illuminante di cosa significhi biodiversità nell’agricoltura è sufficiente pensare alle normalissime patate: oggi nella grande distribuzione è possibile trovarne solo quattro varietà, mentre in natura ne esistono oltre 5000, molte delle quali destinate alla scomparsa in quanto sostituite dalle specie più profittevoli.

Il tema dell’agricoltura familiare è celebrato quest’anno anche dalla FAO: esperienze e tradizioni proprie delle aziende agricole familiari rappresentano un baluardo non solo per la conservazione della biodiversità, ma anche per la lotta alla fame e per l’educazione alimentare.

Ecco che al Salone 2014, nel Mercato internazionale dell’Oval, troveranno spazio prodotti in arrivo da ogni angolo del mondo, prodotti che non solo verranno esposti, ma anche assaggiati e acquistati, diventando così tesori della biodiversità. Con oltre 1000 espositori, produttori dei Presìdi e delle Comunità del cibo provenienti da più di 100 Paesi, il Mercato rimane l’anima del Salone, mentre i tre padiglioni del Lingotto accompagnano il visitatore in un viaggio nella produzione alimentare e nella cultura gastronomica italiana.

Novità del 2014 è il Padiglione 5 del Lingotto, interamente dedicato alla didattica e all’educazione del gusto, con gli appuntamenti di Slow Food Educa e i Laboratori didattici per tutta la famiglia. Debuttano anche aree tematiche come Scuola di Cucina, la Fucina Pizza&Pane con i maestri panettieri, l’area Mixology con i migliori bartender d’Italia.

Non mancheranno infine anche lectio magistralis e incontri: tutto il programma lo puoi scaricare qui.

Il Salone del Gusto e Terra Madre è organizzato da Slow Food, Regione Piemonte e Città di Torino, in collaborazione con il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali.

 

dal 23 al 27 ottobre
Salone del Gusto e Terra Madre
Torino
presso Lingotto Fiere e Oval

Salone del Gusto 2014

Commenti

commenti

Be first to comment