Oltre lo sguardo di McCurry

Steve McCurry, Cammelli e giacimenti di petrolio, Kuwait, 1991

Milano rende omaggio al grande maestro della fotografia statunitense e al senso viscerale della bellezza dei suoi lavori con una mostra alla Villa Reale di Monza. In programma anche due incontri al Politecnico e al Corriere della Sera.

di Marilena Roncarà | 27 ottobre 2014

A circa un anno di distanza da quel seguitissimo incontro al Museo della Scienza che aveva fatto registrare il tutto esaurito, Steve McCurry torna a Milano con due appuntamenti aperti al pubblico e una mostra antologica in programma dal 30 ottobre al 6 aprile alla Villa Reale di Monza. Un’occasione, quest’ultima, non solo per conoscere da vicino l’universo del celebre fotografo statunitense, ma anche per entrare in quelle sale del secondo piano nobile della reggia sabauda restaurate di recente e ora pure in grado di dialogare, grazie a un suggestivo gioco di riflessi e linee di fuga (complice l’allestimento di Peter Bottazzi), con le opere in mostra.

Steve McCurry, Ritratto di un ragazzo della tribù Suri, Omo Valley, Ethiopia, 2013

Ritratto di un ragazzo della tribù Suri, Omo Valley, Ethiopia, 2013

Oltre lo sguardo è il titolo del progetto espositivo curato da Biba Giacchetti e Peter Bottazzi, (nonché organizzato e prodotto da Cultura Domani), che mira a spingere lo sguardo al di fuori dei soliti percorsi, oltre le porte e le finestre, oltre le sbarre, oltre il dolore e la paura, alla ricerca di una dimensione dell’umanità quasi metafisica.
Se aspetti abbastanza, le persone dimenticano la macchina fotografica e la loro anima comincia a librarsi verso di te”, spiega lo stesso Steve McCurry, che si racconta non solo attraverso i 150 scatti in mostra, dai lavori più recenti ai celebri ritratti, tra cui non poteva mancare quello notissimo (e icona della fotografia mondiale) di Sharbat Gula, ma anche mediante un serie di video realizzato attorno alle sue famose massime. Un modo per seguire il filo rosso delle sue passioni, per conoscere la sua tecnica e raccontare l’avventura di una professione che è diventata la sua vita.

Steve McCurry, Ragazza sull'uscio, Afghanistan, 2003

Ragazza sull’uscio, Afghanistan, 2003

A corollario della mostra sono previsti due incontri con il maestro della fotografia: il primo lunedì 27 ottobre alle 17:15 presso il Politecnico di via Ampere verterà, come sottolinea lo stesso McCurry, sul “Senso viscerale della bellezza e della meraviglia che ho trovato di fronte a me, quando la sorpresa dell’essere estraneo si mescola alla gioia della familiarità”. Il secondo è in programma, invece, presso la sede del Corriere della Sera, in Sala Buzzati, martedì 28 ottobre, dalle 21. Ingresso libero, ma con prenotazione obbligatoria.

 

Steve McCurry – Oltre lo sguardo
30 Ottobre 2014-6 Aprile 2015
Villa Reale di Monza
Secondo Piano Nobile
viale Brianza 1, Monza

 

Incontri con Steve McCurry
Lunedì 27 ottobre, ore 17:15
Politecnico, via Ampere 2

Martedì 28 ottobre, ore 21
Corriere della sera, sala Buzzati, via Balzan 3 (angolo via S. Marco)

 

In apertura: Cammelli e giacimenti di petrolio, Kuwait, 1991.

 

Commenti

commenti

Be first to comment