Gualtiero Marchesi, foto di Matteo Cherubino