La città diventa brand

Qual è l’immagine di Milano alla vigilia dell’Expo? Cercheranno di rispondere a questa domanda 50 relatori internazionali insieme agli ideatori del progetto Brand Milano in occasione del Forum in programma il 19 e il 20 febbraio all’Università Statale. Un dibattito sull’identità della città, i suoi cambiamenti e la percezione che ne hanno i cittadini e gli stranieri.

di Antonella Armigero | 19 febbraio 2015

Apre oggi, a pochi mesi  dall’Expo, la due giorni di dibattiti e riflessioni sulla nuova identità di Milano diventata ormai “città metropolitana”. Un vero e proprio forum internazionale, promosso dal Comune e organizzato dal Comitato Brand Milano in collaborazione con la Triennale e l’Università Statale, che vede tra i partecipanti oltre 50 relatori illustri che dibatteranno su qual è, e quale sarà l’immagine della città, tra tradizione e innovazione.

Sempre di più si parla di City Brand, ovvero lo studio delle caratteristiche e dei simboli che rendono immediatamente riconoscibile una città nel mondo. Questo termine preso in prestito alla pubblicità e al marketing esprime il percorso di narrazione del luogo, non solo un tratto grafico, ma un vero e proprio progetto di promozione delle risorse, delle bellezze e del patrimonio artistico e culturale di una metropoli.

Il Forum che si terrà il 19  e il 20 febbraio in due luoghi d’eccezione: la Sala Napoleonica nella sede dell’Ateneo meneghino in Via S. Antonio e la Triennale di Milano in via Alemagna, ha lo scopo di raccontare il lavoro svolto, i progetti collaterali e le forze che sono intervenute nella creazione del Brand Milano.

Da segnalare all’interno del fittissimo programma, la presentazione  di “Identità Milano”edito da Corraini, un volume realizzato dalla Triennale che illustra il lavoro di raccolta e di ricerca svolto in questi anni dal Comitato Brand Milano. Un viaggio, che ha visto la collaborazione degli stessi cittadini, alla ricerca dell’identità e verso la definizione della reputazione della nostra città, tra passato, presente e futuro. Risultato di questo percorso anche Brandmilano.org, un vero e proprio portale dedicato alla città nelle sue molteplici sfaccettature, dalla storia, all’arte, agli eventi.

Trovano spazio nel sito anche una serie di brevi filmati intitolati Milanoè sui cambiamenti sociali e identitari e l’interessante lavoro svolto in collaborazione con Tracce.tv che ha saputo raccontare la città attraverso un linguaggio, fresco, diretto e appassionato.

Il risultato sono 7 cortometraggi dedicati ai luoghi e ai simboli del capoluogo lombardo: dal tram “1928”, chiamato così in onore dell’anno dell’inizio delle attività tranviarie, che viene amorevolmente restaurato, revisionato e riportato a viaggiare tra le vie del centro storico, sotto lo sguardo della telecamera; al Duomo, i suoi marmi e la fabbrica che non si ferma mai con le sue guglie perennemente impacchettate.
Suggestiva anche la Milano vista dall’alto, quella dei grattacieli dei Porta Volta e Piazza Lega Lombarda che mirano alla conquista del cielo, rivoluzionando lo skyline urbano. Tutti gli short film saranno visibili a questo link e sul canale di Turismo Milano.

Il programma del Forum prevede inoltre la discussione e l’analisi della ricerca realizzata da Ipsos sulla percezione della città metropolitana, tramite il confronto dei dati di febbraio 2014 e febbraio 2015, e la proiezione del film del 1982 dell’Istituto Luce rimasto fino a oggi inedito: Dopo Milano non c’era che l’America. Chiude la giornata di oggi lo spettacolo Identità Milano (prodotto dalle Civiche scuole di spettacolo- Fondazione Milano), accompagnato da una visita guidata a Triennale Design Museum.

L’elenco completo degli eventi e gli appuntamenti del forum sono disponibili a questo link, gli incontri sono gratuiti e aperti a tutti.

 Foto d’apertura di Fabrizio Villa – Milano vista dal palazzo Unicredit 

 

Forum Brand Milano
19 – 20 febbraio
Università degli Studi – Sala Napoleonica
Via Sant’Antonio, 12 – Milano
Dalle 10 alle 18

Forum-Brand-Milano-locandina

Forum Brand Milano

Commenti

commenti

Be first to comment