Arts & Foods in Triennale

Apples in a Porcelain Basket

Sarà l’unico padiglione al di fuori dello spazio Expo, una grande area tematica che ripercorre la storia del cibo e della cucina. E per vederla non dovremo nemmeno aspettare l’inizio dell’Esposizione Universale.

di Filippo Spreafico | 2 aprile 2015

Manca poco meno di un mese all’inaugurazione di Expo 2015, ma fin dal 9 aprile potremo iniziare ad assaporare i grandi temi dell’Esposizione Universale grazie a una mostra speciale, una vera e propria Area tematica che prenderà vita in uno dei luoghi simbolo della cultura di Milano: il Palazzo della Triennale.

Si chiama Arts & Foods. Rituali dal 1851 e sarà l’unico Padiglione espositivo al di fuori dell’area di Rho-Pero: un grande contenitore targato Expo che ripercorre e analizza la storia della cucina e l’innata relazione tra cibo e arte.
La mostra, curata da Germano Celant e allestita dallo Studio Italo Rota, prende vita in uno spazio di circa 7000 mq, sia interni sia esterni alla Triennale: qui saranno indagati con una pluralità di linguaggi visuali e plastici, oggettuali e ambientali, tutti i riti del nutrirsi che hanno caratterizzato gli ultimi due secoli, prendendo come data iniziale di questo immaginario percorso il 1851, anno della prima Esposizione di Londra.
Un vero e proprio viaggio nel tempo per scoprire come la creatività, la comunicazione e l’arte hanno definito non solo il cibo, ma anche il concetto di rito legato ad esso, dalla preparazione al consumo.

 "Servizio di bordo Alitalia" Joe Colombo, 1972

“Servizio di bordo Alitalia” Joe Colombo 1972

Nell’allestimento troveranno spazio tutte le soluzioni che l’uomo ha adottato nel tempo per relazionarsi al cibo: strumenti di cucina, tavole imbandite, bar e ristoranti, e ancora il ruolo del cibo nel viaggio e nello spazio, in aereo o per strada, e tutti i mutamenti che i più grandi momenti storici hanno comportato.

Il tutto apparirà intrecciato alle testimonianze di artisti, scrittori, film makers, grafici, musicisti, fotografi, architetti e designers che, dall’Impressionismo e dal Divisionismo alle Avanguardie storiche, dalla Pop Art alle ricerche più attuali, hanno contribuito allo sviluppo della visione e del consumo del cibo.

Arman Artériosclérose

“Artériosclérose” Arman 1961

Arts & Foods coinvolge tutti i media e linguaggi: dalla pittura alla scultura, dal video all’installazione, dalla fotografia alla pubblicità, dal design all’architettura, dal cinema alla musica e alla letteratura. – ha dichiarato Germano Celant – Si articola con un andamento cronologico che copre il periodo dal 1851 all’attualità, attraverso la creazione di ambienti dedicati ai luoghi e agli spazi del convivio, sia in ambito privato sia nella sfera pubblica.

Con questo Padiglione speciale extra-Expo sarà quindi possibile immergersi fisicamente in un viaggio tra cibo e arte, una visione a 360° sui temi che saranno parallelamente sviluppati dalla grande Esposizione (clicca qui per sapere tutto su Expo 2015).

 

Arts & Foods. Rituali dal 1851
dal 9 aprile al 1 novembre
La Triennale di Milano

Foto in apertura: Apples in a Porcelain Basket, 2007 di Sharon Core

Commenti

commenti

Be first to comment