Crema a ritmo di Jazz

Dal 1 al 5 luglio, inaugura la prima edizione di Crema Jazz Art: tra gli appuntamenti, oltre ai numerosi concerti, anche mostre, conferenze e aperitivi musicali. Ospite speciale è Fabio Concato.

di Samantha Colombo | 22 giugno 2015

Nei primi giorni di luglio, Crema celebra virtuosismo, modernità e universalità d’espressione della musica con Crema Jazz Art: una via per promuovere le sette note ma non solo, all’interno di un percorso che abbraccia a tutto tondo ogni forma d’arte ed espressione, valorizzando le ricchezze storiche e culturali della città.
La prima edizione del festival jazz si impone da subito con un chiaro intento: non sarà infatti solo l’occasione per ascoltare grandi nomi, ma soprattutto un modo per abbandonarsi alla scoperta di chi grande lo sarà in futuro. Sono infatti numerosi i giovani artisti che, nonostante l’anagrafe, sono in grado di esprimersi al meglio attraverso voce e strumenti. Inoltre, tutti gli eventi del festival di Crema sono gratuiti, con un’unica eccezione: il concerto di Fabio Concato del 4 luglio.

Come prima accennato, accanto a una grande firma come quella di Concato, cuore pulsante di Crema Jazz Art sono gli artisti più giovani, come da precisa volontà del direttore artistico Giovanni Mazzarino. La rassegna di concerti vede protagonista il 2 luglio la cantante Valentina Gramazio, che presenta il suo nuovo disco Per Inciso mentre, la sera del 3 luglio, è il turno dei gemelli diciassettenni Giovanni e Matteo Cutello che si esibiscono accompagnando con tromba e sax un altro gruppo, gli Urban Fabula. Il 5 luglio è invece il turno di salire sul palco per lo stesso Mazzarino che, insieme a Enrico Intra, presente il progetto dal nome emblematico Improvvisamente.

Non solo concerti jazz a Crema, ma anche altri eventi collaterali, come il ciclo di conferenze Il Jazz… che storia tenuta da Maurizio Franco, musicologo e storico del jazz (è direttore di Musica Oggi), presso il Museo Civico, senza dimenticare la master class diretta da Mazzarino e, nella cornice del chiostro del museo, Open Space for Singers, uno spazio dedicato a una selezione di artisti emergenti in contemporanea con aperitivi in concerto, a cura della cantante jazz Cinzia Roncelli.
Da non dimenticare anche le mostre come Jazz In Love, con le foto di Lorenzo D’Andrea che ritrae grandi musicisti nei suoi scatti, le incisioni di Paola Maestroni e le tavole calligrafiche di Laura toffaletti per In…chiostro di Jazz, per ricordare come l’interazione tra note e arti visive non sia solo possibile, ma anche feconda e di grande ispirazione.

 

Crema Jazz Art Festival
Dal 1 a 5 luglio 2015
Per il programma completo: www.cremajazzart.it e www.facebook.com/cremajazzart

In apertura: Giovanni Mazzarino (foto di Gianluca Murella).

Commenti

commenti

Be first to comment