Milano Playwriting Festival

lab-playwriting #Miplawriting

Sbarca alla Fabbrica del Vapore dal 2 al 4 ottobre il primo festival milanese sulla nuova drammaturgia teatrale, alla ricerca di “tanti testi nuovi tra cui poter scegliere e interrogarsi, come pubblico e come artisti”.

di Marilena Roncarà | 21 settembre 2015

C’è bisogno di far entrare tantissimo vento in quelle scatole magiche che sono i teatri, dove da secoli noi uomini amiamo guardarci allo specchio. Un vento colorato che sia intriso di storie nuove e potenti, scritte sempre meglio, per toccare il cuore e la testa del pubblico”. È con queste parole che Francesco Lovati, il direttore artistico della prima edizione del #MiPlaywriting, il Milano Playwriting Festival, presenta la manifestazione che da venerdì 2 a domenica 4 ottobre porta la nuova drammaturgia inglese e italiana alla Fabbrica del Vapore. “Vorremmo che le persone che faranno la fila fuori da un teatro, fra un po’ di anni (non troppi, possibly) lo facciano perché ansiose di scoprire anzitutto il nuovo testo, la nuova storia di questo o quella drammaturga italiana”. Prosegue Lovati che subito incalza: “Vorremmo un fiume di testi nuovi, difficili perché coraggiosi e non difficili perché incomprensibili o noiosi. Vorremmo storie che ci prendano, pungenti, non visioni deprimenti”. Ecco quindi dichiarati gli intenti programmatici di una manifestazione che è il punto di arrivo di uno scambio artistico tra Londra e Milano, cominciato più di un anno fa con alcuni incontri pubblici che hanno visto i migliori drammaturghi emergenti inglesi collaborare a stretto contatto con le migliori leve della nuova drammaturgia italiana.

Prodotto da It’s Time Produzioni, il Festival è infatti realizzato in partnership con il Finborough Theatre di Londra (teatro di riferimento per la nuova scrittura teatrale), in collaborazione con Outis-Centro Nazionale di Drammaturgia Contemporanea e il Comune di Milano.

Negli spazi della Fabbrica del Vapore, al 4 di via Procaccini, si succederanno quindi 7 anteprime nazionali e 2 anteprime mondiali, tra cui un testo della talentuosa Sarah Page, astro nascente del new writing inglese, che durante il Festival terrà un workshop di playwriting per adolescenti. Una sezione importante del festival è, infatti, dedicata alla nuova drammaturgia teen, grazie al Teen Theatre Festival, che vede la partecipazione di 14 scuole di teatro per un totale di circa 150 ragazzi provenienti da Lombardia, Piemonte, Veneto e Toscana.

Milano Playwriting Festival

Alla Fabbrica del Vapore si alterneranno inoltre spettacoli per ragazzi e per adulti, short comedy e drammi, sia in lingua inglese che italiana, tutti sovratitolati. Tra i tanti ospiti d’eccezione, segnaliamo prima fra tutti, in collegamento da Londra nella seconda Morning Call di sabato mattina, Moira Buffini, la più importante drammaturga inglese, fresca di una nomination all’Oliver Award, per il suo ultimo testo Handbagger su Margareth Thatcher e il suo rapporto controverso la Regina Elisabetta II. Un estratto del lavoro sarà inoltre presentato proprio nelle giornate del festival. E sempre sabato 3 ottobre è anche la volta del new writing italiano con Kobane, di Fabio Banfo, la mise en espace di un testo su una studentessa italiana che decide di partire per la Siria attratta dalle sirene dell’ISIS.

La sequenza delle Morning Call si chiuderà, infine, domenica 4 ottobre con una tavola rotonda speciale sul new writing con Neil Mc Pherson, direttore artistico del Finborough Theatre in diretta da Londra, Francesco Lovato e Carole Mitchell, assessor di OffWestEnd, l’organizzazione che monitora tutto il miglior writing di Londra. Non mancherà un’installazione nella suggestiva Sala delle Colonne sul New Writing londinese e milanese, installazione a cura della scenografa Martina De Paola, con mappe interattive per scoprire i teatri più importanti, proiezioni e play appena pubblicate, ma per il programma completo vedete qui.

Ultimo avvertimento: niente monologhi al Festival. Perché “il teatro è dialogo, mezzo per eccellenza, da millenni, dell’esercizio democratico, dell’ascolto e dello scontro di visioni e la voce unica è negazione di questa rappresentazione”, parola di direttore artistico.

 

Milano Playwriting Festival
2 – 3 – 4 Ottobre 2015
Fabbrica del Vapore di Milano
#MiPlawriting
www.milanoplaywritingfestival.it

Commenti

commenti

Be first to comment