It’s raining poems

Messaggi di pace piovono dal cielo al posto delle bombe per contrapporsi  alla distruzione delle guerre del Ventesimo secolo: la performance “Pioggia di poesie”, che ha toccato molte altre città nel mondo arriva anche a Milano il 26 settembre per la settima tappa del tour.

di Antonella Armigero | 24 settembre 2015

Hanno deciso di rispondere agli orrori della guerra con un linguaggio forte e universale, capace di scuotere gli animi e la memoria delle persone, ovvero la poesia.  Così il collettivo artistico cileno Casagrande nel 2001 ha bombardato i cieli di Santiago con centinaia di foglietti di carta, recanti rime e brani tratti dalle poesie più belle degli autori contemporanei. Da allora quello che è il più evocativo e straordinario evento di poesia aerea mai vista, ha toccato Londra, Berlino, Varsavia, Guernica, Dubrovnik e adesso anche Milano.

Bombing of poem - Warsaw

Bombing of poem – Warsaw

Una pioggia di poesie si prepara a cadere sui nostri cieli sabato 26 settembre, quando all’imbrunire un elicottero lascerà cadere su Piazza del Duomo più di centomila poesie di 75 autori italiani e cileni.  L’iniziativa è stata realizzata grazie al sostegno del padiglione cileno di Expo, della Fundación Imagen de Chile e del Comune di Milano, e cade a pochi giorni dalla festa nazionale cilena che si celebra il 29 settembre. La selezione dei poeti italiani è stata curata dall’autore Amos Mattio della Casa  della Poesia di Milano.

Rain of Poem o bombing of poems, come viene chiamato in altri Paesi, è solo uno dei numerosissimi eventi e iniziative di letteratura, arte e video performance che dal 1996 il collettivo promuove e realizza nel mondo, focalizzandosi, specificano i portavoce, “ogni volta sulla rielaborazione della memoria storica delle nazioni attraverso la poesia”. Nel 2002 Casagrande ha raccolto migliaia di lettere di bambini per inviarle nella Stazione Spaziale Internazionale, l’obiettivo era riuscire a far “parlare” simbolicamente tutti questi bambini con Pablo Neruda in occasione del centenario della sua nascita, mentre per i 40 anni dal golpe militare cileno, il collettivo ha posizionato una statua di 12 metri d’altezza raffigurante Pinochet davanti alle sedi delle istituzioni.

La performance, che ogni volta riscuotono grande successo riuscendo a coinvolgere  intimamente le persone, testimoniano quanto sia grande il potere delle parole, arma dirompente soprattutto quando si parla di pace, bisogno primario oggi più di prima, capace di dare la forza di superare i traumi e le cicatrici della storia.

Appuntamento quindi sabato 26 settembre alle ore 19.00 (tempo permettendo) in Piazza Duomo: tutti con il naso all’insù a guardare il cielo in attesa che arrivi la pioggia, e forse una poesia sarà in grado di salvarci per davvero.

Bombing of poem - Londra

Bombing of poem – Londra

 

Pioggia di Poesie su Milano
26 settembre – ore 19.00
Piazza Duomo.

Foto d’apertura Bombing of poem a Guernica, Spagna – 2004, nel video la performace a Berlino del 2010 – Fonte lacasagrande.org

Commenti

commenti

Be first to comment