Quanto è pop la città

Art-in-the-dark

Una nuova idea di Milano, capitale internazionale di innovazione, arte e qualità della vita: questo il progetto ambizioso di Expop che il 26 ottobre premia i progetti migliori per il bene e il futuro della città.

di Antonella Armigero | 8 ottobre 2015

Diventare moderni Mecenate, e dare il proprio sostegno e partecipazione per i progetti in grado di trasformare la città in un posto migliore, questo è l’obiettivo dell’Associazione Vivaio che dal 2012 si impegna a trasformare in realtà le idee che producono benefici per la comunità. Come le tre edizioni passate, (quella del 2014 l’avevamo raccontata in questo articolo) e forse ancora di più in questa targata 2015, la parola d’ordine è partecipazione e condivisione e l’intento è avviare una piccola grande rivoluzione pop, perché viene direttamente dai cittadini, chiamati a dare un supporto attivo al futuro di Milano.

Per sostenere Expop 2015 è possibile acquistare i “Milano coin”, una moneta virtuale con cui votare le iniziative in gara, partecipare agli eventi in programma, sostenere e finanziare progetti attuali e futuri. L’iniziativa, presentata lo scorso giugno al Palazzo della Regione, si avvia alla conclusione con l’assegnazione dei Vivaio Awards, il 26 ottobre alla Triennale di Milano. I migliori tra i 14 progetti sviluppati in questi mesi saranno premiati e diventeranno realtà.

Art in the dark

Art in the dark

Tra questi Art in the dark che punta a trasformare Milano nella prima e unica galleria d’arte a cielo aperto che si può ammirare anche al buio, grazie a video installazioni, pannelli che riproducono immagini e opere d’arte con colori fluorescenti ribaltando il concetto di luce vivendo durante la notte.

Artiviamo

Artiviamo

Sempre arte e bellezza per Artiviamo, dove i cittadini potranno partecipare alla vita artistica della città grazie al primo “oper air contest”. Artisti internazionali saranno ospitati con le proprie installazioni in piazze cittadine, le più votate e apprezzate potranno diventare permanenti le altre saranno sostituite ciclicamente. Si propone invece di valorizzare i mille volti della città, le librerie, i pub, i ristoranti e i negozi pronti a ospitare arte e cultura in sinergia, il progetto Anime nascoste che vuole svelarli, facendoli conoscere, e creando il più grande network di arte diffusa al mondo. Anime nascoste è inoltre una rubrica curata da Alberto Oliva su Il Giorno che in due anni ha permesso di scoprire più di 100 location e locali alternativi a Milano.

Wooding

Wooding

Tra i più votati anche Wood*ing un wild food lab di ricerca sull’utilizzo del cibo selvatico in cucina, una risorsa di nutrimento gratuita, ricca e salutare che promuove il vero cibo sostenibile, bio e a km zero.

Ma ci sono anche proposte che riguardano la musica, come MMN Milano Music Network, una piattaforma digitale che permette ai musicisti, agli operatori del settore e al pubblico di connettersi tra loro, per far tornare la città capitale della musica, in una dimensione globale. Altri progetti prevedono la reintroduzione nel tessuto sociale di persone in difficoltà come Restarting, o riguardano l’ecologia e il benessere comune come AriaPulita per Milano,  altri ancora l’apprendimento e la tecnologia come Scuola più più.

In attesa di conoscere i progetti vincitori, non resta che votare il proprio preferito, infatti c’è tempo fino al 21 ottobre per diventare mecenate e sostenere l’idea migliore per rendere la nostra città esempio di eccellenza anche dopo Expo.

 

Expop – Expo becomes pop
Premiazione e Vivaio Awards 26 ottobre alla Triennale di Milano.
Scadenza competition 21 ottobre.

 

Foto d’apertura – Art in the dark – dal sito di Expop.

 

Commenti

commenti

Be first to comment