Becoming Madonna

Madonna mostra Bologna

Da talentuosa e determinata esordiente ad assoluta e inimitabile icona pop: le sessanta fotografie in mostra da ONO Arte Contemporanea di Bologna fermano nel tempo la nascita del mito di Madonna, negli scatti di Peter Cunningham, George DuBose e Deborah Feingold.

di Samantha Colombo | 17 novembre 2015

Quando una giovane cantante, praticamente sconosciuta, entra nel suo studio fotografico di New York, Peter Cunningham non ha idea di chi sia: eppure, secondo alcuni questa ragazza, arrivata in città alcuni anni prima per studiare danza, ha tutte le carte in regola per diventare un nuovo mito, addirittura “la nuova Marylin”.
È il 1982 e il giorno fissato per lo shooting la ragazza si presenta senza accompagnatori, occupandosi da sé di trucco e costumi, tra i quali spicca una cintura borchiata e penzolante. Non appena prende posto di fronte all’obiettivo, il fotografo ha un’illuminazione: davanti alla macchina fotografica c’è Madonna, una personalità scenica unica, un carisma che trasuda da ogni scatto. Nelle oltre sei ore di servizio fotografico, Madonna passa dallo studio alle strade di Soho, dove gioca a nascondino tra i vicoli, sorprende passanti e li coinvolge nel suo show improvvisato, per finire ad atteggiamenti più estremi come abbassarsi la zip.
Dal 19 novembre fino al prossimo 10 gennaio, ONO Arte Contemporanea di Bologna propone una rassegna fotografica che immortala proprio questo periodo: gli esordi di una performer che, in breve tempo e in modo inesorabile, si impone sulla scena internazionale come vera e propria icona musicale e culturale

Già un altro fotografo si era accorto della determinazione e dell’attitudine alla performance di Madonna, qualche tempo prima, seguendola durante alcuni dei suoi concerti: è George DuBose, che si reca a fotografare una band presso un locale chiamato Uncle Sam, a Long Island. Qui, non perde di vista la loro cantante, che cambia numerosi abiti di scena e sul palco non sembra porsi limiti nel donare tutta se stessa. La nota anche a Manhattan, quando si esibisce in playback accompagnata solo dal fratello e da una danzatrice.
Talento, sicurezza e ambizione sono la miscela che ha consentito alla stella di Madonna di brillare senza mai arrestarsi. Presso la galleria di Bologna, sono presenti crica 60 scatti, molti dei quali inediti, che documentano gli esordi. Le fotografie sono firmati dall’appena citato Du Bose, ma anche da Deborah Feingold e dallo stesso Cunningham. A proposito di quest’ultimo, è stato proprio lui a ritroivare un rullino per decenni creduto smarrito e che, oggi, presenta le fotografie sviluppate ed esposte in anteprima mondiale.

 

Madonna – The Rise of a Star
ONO Arte Contemporanea
Via Santa Margherita, 10 (Bologna)
Dal 19 novembre al 10 gennaio 2016
Per informazioni: www.onoarte.com

Foto in apertura di Peter Cunningham.

Commenti

commenti

Be first to comment