Atmosfere Art Nouveau

Alfons Mucha, Monaco

Con oltre 220 opere la mostra dedicata ad Alfons Mucha propone un percorso originale capace di ricostruire il gusto elegante, prezioso e sensuale della Belle Époque, affiancando alle opere del pittore ceco anche arredi e manifatture di artisti attivi nello stesso periodo.

di Marilena Roncarà | 3 dicembre 2015

Sinuose, eleganti, leggiadre, spesso idealizzate come creature angeliche, altre volte femme fatale accattivanti e seducenti, ma sempre in grado di incarnare il valore universale della bellezza giovanile: ecco le donne di Alfons Mucha che ci aspettano in mostra a Palazzo Reale dal 10 dicembre non solo come icone indiscusse di poster, ma anche svettando nel ruolo da protagoniste di affiches e illustrazioni per qualsiasi tipo di prodotto, dalle scatole di biscotti in avanti. Lo “Stile Mucha”, unico e riconoscibile, si è infatti fin da subito mostrato adatto per essere applicato a una grande varietà di contesti: dal poster alle decorazioni di interni, dalla pubblicità all’illustrazione, alle produzioni teatrali, fino al design di gioielli e di opere architettoniche.

L’allestimento di Palazzo Reale Alfons Mucha e le atmosfere art nouveau, aperto fino al 20 marzo 2016, affianca in un percorso inedito 120 opere tra affiches e pannelli decorativi di Alfons Mucha tutte provenienti dalla Richard Fuxa Foundation e selezionate da Karel SRP (già curatore della grande mostra monografica sull’artista tenutasi a Praga nel 2013), a una serie di ceramiche e manifatture (questa volta a cura della studiosa di arti decorative Stefania Cretella) e ancora mobili, ferri battuti, vetri, sculture e disegni di artisti affini alla sensibilità squisitamente floreale e sinuosa di certo filone del modernismo europeo di area francese, belga e in parte italiana. Una doppia curatela, quindi, per una mostra che vuole restituire appieno l’idea di un’epoca ricca e sfaccettata come la Belle Époque, facendo dialogare le invenzioni di Mucha con le decorazioni a lui coeve, in modo da ricostruire il clima magico e sfavillante del periodo.

Dal canto suo Alfons Mucha (1860-1939) è uno dei più significativi esponenti dell’Art Nouveau, divenuto in breve il “promotore” di un linguaggio comunicativo innovativo e potente, al punto che le sue figure femminili si diffusero in tutti i campi della società del suo tempo. La sua produzione comprende, infatti, moltissime opere: dai pannelli decorativi ai cartelloni pubblicitari, dai manifesti teatrali alle copertine per riviste, dai calendari alle illustrazioni librarie, senza dimenticare i francobolli e le banconote. Per inciso va anche segnalato che Mucha è stato iniziato alla Massoneria a fine Ottocento a Parigi e che parte della sua produzione artistica risente dell’influenza del simbolismo massonico, anche se l’allestimento di Palazzo Reale non propone questo percorso, avendo preferito evidenziare le novità del suo linguaggio comunicativo quello “Stile Mucha” caratterizzato dalle sinuose ed eleganti immagini femminili.

Le 220 opere in mostra sono esposte seguendo un percorso suddiviso per temi stilistici e iconografici, passando in rassegna dal teatro alla vita quotidiana, dall’immancabile figura femminile al giapponismo, dal mondo animale, ai materiali preziosi fino al tempo e a quell’immaginario floreale che chiude l’allestimento con un pullulare di rose, ninfee, iris e gigli che a un certo punto hanno letteralmente“invaso” la produzione Liberty e Art Nouveau. Il tema del fiore, oltre a essere spesso associato in qualità di ornamento alle donne di Mucha, di cui ne esalta l’immagine fresca e vitale, diventa nelle arti decorative (dalle ceramiche ai vetri, solo per fare due esempi) una possibilità di sperimentare nuove forme e nuovi decori, giocando con l’infinita varietà dei colori presenti in natura.

Promossa dal Comune di Milano|Cultura, prodotta e organizzata da Palazzo Reale di Milano, Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura di Genova e da 24 ORE Cultura ‐ Gruppo 24 Ore, in collaborazione con la Richard Fuxa Foundation e il Centro di Ricerca Rossana Bossaglia, con anche il patrocinio della città di Praga, la mostra subito dopo Milano si sposterà a Palazzo Ducale di Genova dove sarà visitabile da fine aprile a tutto settembre 2016.

 

Alfons Mucha e le atmosfere Art Nouveau
Palazzo Reale ‐ Piazza del Duomo 12, Milano
10 dicembre 2015 – 20 marzo 2016
www.mostramucha.it

In apertura: particolare litografia a colori, cm 107,3 × 73,3 Richard Fuxa Foundation. Alfons Mucha Monaco – Monte Carlo, 1897. Foto: © Richard Fuxa Foundation 

Commenti

commenti

Be first to comment