Contagiati dalle nipposuggestioni

Il mondo colorato, irriverente e fumettoso dell’arte giapponese contemporanea arriva a Milano con Japan Pop Art – #nipposuggestioni, mostra in programma alla Deodato Arte, assolutamente da non perdere per chi ama Manga e Anime e vuole scoprire le ultime tendenze artistiche dal Sol Levante.

di Antonella Armigero | 22 febbraio 2016

Uno sguardo sulle ultime tendenze artistiche del Sol Levante attraverso quattro artisti, quattro stili e quattro linguaggi estetici differenti con un unico comune denominatore: la cultura giapponese. Questo è il nucleo della mostra Japan Pop Art – #nipposuggestioni.
Dopo il grande successo di critica e pubblico riscontrato alla serata “Japan Pop Art Preview” gli artisti Tomoko Nagao, Hiroyuki Takahashi, Hikari Shimoda e Hitomi Maehashi tornano protagonisti con la mostra in programma dal 10 al 31 marzo presso la galleria d’arte milanese Deodato Arte.

Trend setter mondiale, potenza artistica paragonabile agli Usa del secolo scorso, il Giappone è un vero e proprio laboratorio di idee, una fucina di talenti su cui porre attenzione. A conferma di tutto questo il grande consenso di pubblico alla preview organizzata da Deodato Arte in collaborazione con il curatore indipendente Christian Gangitano avvenuta il 28 gennaio scorso, che è riuscita ad attirare molti giovani. Un fermento e un interesse quello per il Giappone che investe anche i giovani collezionisti attenti alle ultime tendenze.
I quattro artisti in mostra incarnano il manifesto delle ultime tendenze artistiche giapponesi e della generazione successiva ai grandi maestri del Superflat style: Takashi Murakami e Nara Yoshitomo.

TOMOKO NAGAO, Botticelli-The Birth of Venus with baci, esselunga, barilla, PSP and easy jet, 2012, Digital Art

TOMOKO NAGAO, Botticelli-The Birth of Venus with baci, esselunga, barilla, PSP and easy jet, 2012, Digital Art

È proprio la reinterpretazione in chiave moderna e pop di opere iconiche dell’arte giapponese, la chiave di lettura e il punto di partenza di questa mostra. Ed ecco che l’artista Tomoko Nagao, considerata la più importante esponente della MicroPop Art e del SuperFlat in Italia, lavorando su “La grande onda di Kanagawa” di Hokusai e reinterpretandola in maniera contemporanea, dà origine alla sua personale versione intitolata “The Great Wave of Kanagawa with mc, cupnoodle, kewpie, kikkoman and kitty” che racchiude una critica ironica e sottile della società, addolcita grazie all’estetica giapkawaiiponese.
Dall’estetica “kawaii”, si passa al linguaggio “mood shōjo” con le opere di Hiroyuki Takahashi considerato una vera star a Tokyo, per le sue opere digitali che incarnano i principi della tradizione Shōjo, una  cultura neo-femminista e trasgressiva. Eroine spesso in crisi d’identità verso il processo di emancipazione, sono le protagoniste delle opere di questo artista che le ritrae con uno stile Manga e le inserisce i diversi contesti urbani.

 

 

S’ispira al mondo dei Manga e delle Anime anche Hikari Shimoda, che utilizza uno stile chiamato “irasuto”, termine col quale in Giappone si indica l’illustrazione. Le problematiche sociali contemporanee sono viste attraverso gli occhi dei bambini, veri protagonisti delle tele di quest’artista, come ad esempio accade in due opere in mostra a Milano: Children of this planet 24 e Children of this planet 30.


In ultimo, ma non per importanza, Hitomi Maehashi, riconosciuta come un’esponente della pittura digitale su fotografia, una tecnica molto innovativa che utilizza il foto-ritocco e la pittura grafica digitale. In questo modo l’artista combina realtà a tratti caratteristici della cultura Manga, ispirandosi ai cosplayer: le maschere giapponesi.

Appuntamento quindi con le nuove tendenze del Giappone, anzi con le #nipposuggestioni, alla galleria Deodato Arte con Japan Pop Art dal 10 al 31 marzo.

 

Japan Pop Art – #nipposuggestioni”
Deodato Arte, via Pisacane 36
Orari: lun – sab 10.00 -19.00

 

Hiroyuki Takahashi

Hiroyuki Takahashi

Commenti

commenti

Be first to comment