L’oro di Napoli sotto la Madonnina

Il segreto della pizza fritta perfetta è quello di essere fragrante, non troppo unta, ben farcita e calda. Se a Napoli è molto facile trovare una pizzeria che la prepara in maniera impeccabile, a Milano non sono molti i posti dove gustarla, ma sono in vista nuove aperture nei prossimi mesi come Zia Esterina di Sorbillo e la mitica Starita.

di Antonella Armigero | 7 marzo 2016

Le pizzerie partenopee a Milano sono davvero tante, alcune autentiche altre un po’ meno, di sicuro i milanesi hanno dimostrato un amore spassionato per questo alimento nella sua versione più autentica, il successo di Gino Sorbillo a pochi passi dal centro lo dimostra. Proprio i puristi e gli amanti delle prelibatezze napoletane veraci avranno sicuramente segnato sul calendario le date (anche se per ora approssimative) delle prossime aperture in città, che portano i pilastri della cucina di Napoli nel capoluogo meneghino.

Infatti a maggio, indiscrezioni dicono il 20, dovrebbe aprire Antica Pizza Fritta di zia Esterina, nella centralissima via Agnello, un locale targato Sorbillo, che sfida i mitici panzerotti di Luini con la sua pizza fritta farcita con ingredienti freschi.

L’impasto è quello della pizza tradizionale, acqua, farina biologica, sale marino e lievito madre, fritto in olio e poi farcito con ricotta di bufala, fior di latte, salamino di Faicchio, prosciutto cotto nazionale, ciccioli di maiale. Una prelibatezza un po’ calorica a cui è difficile però non cedere.

Il nome di questo locale è legato a Esterina Sorbillo, un’istituzione per la pizza fritta, si può dire l’inventrice, colei che custodiva la ricetta e che ha tramandato i segreti a figli e nipoti. Proprio per rendere omaggio a questa figura e per far conoscere la storia e soprattutto la bontà di questa pizza sono stati aperti diversi locali a Napoli, in via dei Tribunali, in Piazza Trieste e Trento e in Via Luca Giordano in zona Vomero, e ora la tradizione approda anche a Milano.

In attesa del 20 maggio è possibile provare questa pietanza, street food per eccellenza, in alcune pizzerie a Milano.  La prima è la Piccola Ischia, con diverse sedi in città, che propone come antipasto le sue pizzelle fritte, dette anche montanare,  con salsa di pomodoro fresco e formaggio. Piccole bontà da mangiare ancora calde che si sciolgono in bocca.

Il secondo indirizzo è L’Altra Taverna in via Cadore 8, proprio di fronte a largo Marinai d’Italia, il posto perfetto per gustare pizze fritte nei diversi gusti, ripiene di mozzarella, friarielli, ricotta, salsiccia e pepe, oppure due generose montanare da condividere o da gustare da soli in caso di fame o quando la golosità si fa grande.

Il terzo è Frijenno e Magnanno, in via Benedetto Marcello, 93 dove la famiglia Tommasino, spostatasi a Milano da Napoli negli anni Novanta continua la tradizione, proponendo specialità e prodotti della propria terra, tra cui pizza fritta con scarola e altri ingredienti freschi selezionati.

Dobbiamo ricordare inoltre che tra le nuove aperture c’è anche quella di Starita, altra istituzione della pizza, attesa a breve in Corso Sempione, anche se la data precisa non è stata ancora divulgata. Anche questa pizzeria è legata a un passato molto lontano, risale addirittura al 1901, anno in cui la prima Starita ha aperto proprio nei vicoli di Napoli.
Questo locale appare anche nel film di De Sica del 1954 “L’oro di Napoli” e da allora ha fatto molta strada, infatti è stata inaugurata da poco una sua succursale a New York. Non ci resta che attendere che questi pilastri dell’arte della pizza arrivino anche all’ombra della Madonnina. Vi aggiorneremo sicuramente quando usciranno le date precise delle aperture in città.

Commenti

commenti

Be first to comment