L’Osservatorio della Fotografia

© Ryan McGinley, Courtesy Team Gallery

Fondazione Prada apre in Galleria Vittorio Emanuele II Osservatorio, un nuovo spazio dedicato alla fotografia e ai linguaggi visivi, un luogo di esplorazione e indagine del medium fotografico. L’inaugurazione è in programma il 21 dicembre con la mostra “Give Me Yesterday”.

22 novembre 2016 | di Redazione web

In un momento storico come il nostro, la fotografia è sempre più parte del flusso globale di informazione digitali, ecco allora che Fondazione Prada apre Osservatorio, un luogo di esplorazione e indagine delle tendenze e delle espressioni della fotografia contemporanea, un posto in cui interrogarsi su quali siano le implicazioni culturali e sociali della produzione fotografica attuale e della sua ricezione e quindi un modo per provare a capire meglio il presente.

Ospitato al quinto e sesto piano di uno degli edifici centrali di Galleria Vittorio Emanuele II, Osservatorio si trova al di sopra dell’ottagono, al livello della cupola in vetro e ferro che copre la Galleria realizzata da Giuseppe Mengoni tra il 1865 e il 1867. Gli ambienti ricostruiti nel secondo dopoguerra a seguito dei bombardamenti che hanno colpito il centro di Milano nel 1943, sono stati sottoposti a un restauro che ha reso disponibili 800 metri quadrati di superficie espositiva, sviluppata su due livelli.

L’inaugurazione è fissata per il 21 dicembre 2016, con la mostra a cura di Francesco Zanot “Give Me Yesterday” in programma fino al 12 marzo 2017. In un percorso che comprende i lavori di 14 autori italiani e internazionali, il progetto esplora l’uso delle fotografia come diario personale in un percorso che va dall’inizio degli anni Duemila fino a oggi. Quello che ne deriva è un nuovo diario dove la fotografia istantanea si confonde con quella allestita, dove viene imitata la catalogazione ripetitiva del web e la componente performativa delle immagini viene usata per affermare un’identità individuale o collettiva.

 

 

In apertura: Ryan McGinley, Dakota (Hair), 2004. © Ryan McGinley, Courtesy Team Gallery

 

Commenti

commenti

Be first to comment