Il Giorno della Memoria

Memoriale Shoa di Milano, il binario 21

Concerti, testimonianze, mostre dal Conservatorio alla Scala alla Casa della Memoria, con visite al Binario 21: tanti sono gli eventi in programma nel capoluogo lombardo per celebrare il ricordo delle vittime dell’Olocausto e non solo il 27 gennaio.

di Redazione web | 24 gennaio 2017

«Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre». Parlava così Primo Levi della memoria e della necessità, ogni giorno, di tenerla viva. Un messaggio che l’amministrazione comunale intende continuare a diffondere tutto l’anno perché e sono parole del sindaco Giuseppe Sala: «La memoria è una sorgente viva, che va alimentata. E lo si può fare solo promuovendo occasioni di incontro e di approfondimento». Da qui la piattaforma Milano è memoria con un ricco palinsesto che si articolo attorno a 4 date simbolo: il 27 gennaio il Giorno della Memoria, il 25 aprile la festa della Liberazione, il 9 maggio il Giorno della Memoria delle vittime del terrorismo, il 12 dicembre l’Anniversario della strage di Piazza Fontana. Ma in città le celebrazioni in vista del Giorno della Memoria sono già iniziate il 19 gennaio con Pietre di inciampo, il più grande monumento diffuso in Europa dedicato ai deportati nei lager nazisti. Nel capoluogo meneghino la prima delle sei Pietre di inciampo è stata collocata sotto la casa di Alberto Segre, al 55 di Corsi Magenta.

Tanti gli appuntamenti in programma, segnaliamo da martedì 24 gennaio fino a giovedì 13 aprile, presso il Memoriale, Spazio Mostre Bernardo Caprotti, la mostra “16 ottobre 1943. La razzia”, realizzata in collaborazione con la Fondazione Museo della Shoah di Roma. Tra i documenti disponibili: anche un estratto degli appunti dell’agenda di Mussolini, i telegrammi sul rastrellamento intercettati dai servizi segreti britannici o il report top-secret recapitato al Presidente Roosevelt, in cui si diceva che gli ebrei sarebbero stati “liquidati”.

Si tiene giovedì 26 gennaio alle ore 20.30, presso la Sala Verdi del Conservatorio G. Verdi di Milano il concerto di commemorazione del XVII Giorno della Memoria Milano ricorda la Shoah. Tributo a Elie Wiesel. Sempre il 26 febbraio dalle ore 15 all’Arena Civica è in programma il trofeo di calcio in memoria di Arpad Weisz, mentre alle 18 alla Loggia dei Mercanti c’è il Flash Mob Omocausto. Fino al 26 febbraio è visitabile, alla Casa della Memoria di via Federico Confalonieri, anche la mostra Different Wars-National Scholl Textbooks on WWII, che ripercorre la II Guerra Mondiale vista attraverso i libri di scuola di 6 differenti Paesi.

Venerdì 27 e domenica 29 gennaio, il Memoriale della Shoah di Milano apre le sue porte a tutti i cittadini interessati a scoprire questo luogo unico in Europa sia per visite guidate che libere. Alle 10 di venerdì 27 gennaio si svolge la consueta deposizione di corone e fiori all’ex Albero Regina di via Silvio Pellico, a seguire alle 10:30 al Teatro degli Arcimboldi è in programma l’incontro-testimonianza di Liliana Segre con gli studenti, mentre alla Sala Conferenze di Palazzo Reale alle 11:15 Mai più: testimonianza di ex-deportati.

A questo link il programma completo delle iniziative.

In apertura il Memoriale Shoa di Milano, il Binario 21. Foto da Wiki Commons.

 

Commenti

commenti

Be first to comment