Vacanze: rigori o stravizi?

insalata runveg

Abbiamo passato tutto l’anno a costruirci buone e sane abitudini alimentari. Come comportarsi in vacanza per non vanificare tutti gli sforzi fatti? Inutile auto-infliggersi troppi divieti e rinunce. Meglio rilassarsi, ma senza abbassare troppo la guardia.

di Michela Montagner | 3 agosto 2017

I più fortunati le hanno già fatte in giugno o luglio, ma per la stragrande maggioranza è ancora agosto il mese delle vacanze. Quando siamo in vacanza salta tutto, non ci sono più orari né abitudini da rispettare. Spesso non si cucina. Famiglie normalmente disintegrate da impegni diversi, lavoro, scuola, doposcuola, si ritrovano riunite a tavola, si esce a mangiare – e a bere – più spesso del solito.
La vacanza è uno spazio tempo extra legis e soprattutto per questo viene percepita come rilassante. Quindi non roviniamocela auto-infliggendoci troppi divieti e rinunce. Ma se abbiamo passato tutto l’anno a costruirci buone e sane abitudini come comportarsi in vacanza per non vanificare tutti gli sforzi fatti?

Innanzitutto è molto importante capire che non è l’eccezione ma l’abitudine e la quantità delle ripetizione ad avere conseguenze a lungo termine sul nostro organismo. Il modo migliore per non rinunciare alla socialità e non rovinarsi le vacanze, potrebbe essere semplicemente quello di rilassarsi  senza abbassare troppo la guardia. Quindi l’unico imperativo è mangiare e bere serenamente, senza eccedere ma nemmeno facendo la conta mentalmente delle calorie o di quello che si dovrà fare il giorno dopo per smaltire il peccato di gola. È sufficiente mettere in atto alcuni piccoli accorgimenti.

insalata runveg

Per chi si trova al mare:
meglio non appesantirsi: frutta fresca, insalate di riso o di pasta o verdure crude o cotte sono l’ideale. Con frutta e verdura si disseta l’organismo introducendo una buona dose di fibre e zuccheri subito disponibili e di immediato consumo.

Per chi si trova in un villaggio, in un resort o in crociera:
la parola d’ordine è approfittare del trionfo di frutta e verdure fresche che di solito propongono i buffet a disposizione. Così facendo si resta leggeri mangiando sano senza sacrificio e con estrema varietà, unica avvertenza: attenzione a non eccedere.

Per chi si trova in montagna o sta facendo una vacanza sportiva:
meglio preferire cibi a veloce digeribilità e con un buon apporto energetico (frutta secca, cereali e pane integrale, grassi buoni). Attenzione a non sopravvalutare il dispendio energetico della vacanza ed eccedere nel ricompensarvi degli sforzi fatti.

Per tutti e ovunque resta valido il motto di bere molto: tanta acqua ma anche centrifugati, the verdi o the giapponesi (come il bancha e il kukicha). Se al bar non sapete cosa ordinare, esclusi gli alcolici, scegliete il succo d’ananas: è quello che più facilmente si trova non zuccherato.

La vostra vacanza dura qualche giorno in più? il consiglio è vincere la pigrizia e muoversi il più possibile: camminare, nuotare, usare la bicletta, giocare con i bambini, accettare gli inviti, dalla partita a tennis o a quella a beach volley, dall’escursione di gruppo, alla corsetta sul lungo mare. Rimarrà comunque tempo anche per rilassarsi con un buon libro. Buone vacanze!

Runveg.it

Commenti

commenti

Be first to comment