È tempo di JazzDo.it

Jazz Lag

In mezzo ai concerti e agli appuntamenti musicali, JazzMi ospita quest’anno anche il primo e unico appuntamento per tutti i componenti della filiera del jazz: dal 10 al 12 novembre negli spazi del Triennale Teatro dell’Arte c’è JazzDo.it.

di Marilena Roncarà | 9 novembre 2017

Preceduto dall’intervista pubblica di mercoledì 8 novembre realizzata da Paolo Fresu al ministro Dario Franceschini su come sostenere il jazz nel nostro Paese, da venerdì 10 a domenica 12 novembre, il Teatro dell’Arte ospita JazzoDo.it, il nuovo progetto del festival JazzMi rivolto ad artisti, etichette discografiche, festival, editori, media, operatori, associazioni, professionisti, studiosi e appassionati del jazz. In occasione di questo appuntamento che vuole rilanciare la centralità del jazz italiano in Europa e nel mondo, Milano si candida capitale italiana di questo genere musicale. Tra convegni, showcase, panel, focus e keynotes con operatori e artisti, il programma di JazzDo.it si articola in un fitto calendario di appuntamenti, che potete vedere a questo link.

Jazzdoit

Tra gli incontri istituzionali in programma segnaliamo quelli di venerdì 10 con Siae che espone il proprio progetto sulla crescita del jazz in Italia e con Onofrio Cutaia che presenta in anteprima le linee guida del nuovo FUS (Fondo Unico per lo Spettacolo dal Vivo). Ampia è la presenza di focus con operatori esteri: dal Bureau Export francese (venerdì 10) al Nasjonal Jazzscene Norvegese (sabato 11). Con il coordinamento di EJN – European Jazz Network prende via il confronto (sabato 11) di alcuni dei principali uffici export di Paesi europei come Francia, Danimarca, Belgio e Norvegia e la neonata Italian Music Export. Invece il coinvolgimento di I-Jazz, associazione dei principali festival jazz italiani e MIDIJ, l’associazione di musicisti italiani jazz, porterà a puntare i riflettori sulla situazione italiana. Non mancano gli incontri sul tema del lavoro nel jazz e sulla situazione del mercato discografico nazionale, in particolare sabato 11 viene presentato uno studio realizzato dall’Università Bocconi sulle ricadute sociali ed economiche che i festival jazz producono sul territorio. Una parola infine per gli incontri professionali con esponenti di spicco del settore: dai responsabili delle divisioni jazz delle maggiori etichette italiane, allo storico produttore dell’etichetta Blue Note (e non solo) Michele Cuscuna, fino a Jan Ole Otnaes che spiegherà lo sviluppo musicale in Norvegia. Tutti i dettagli sul sito di Jazzmi,  gli operatori possono accreditarsi scrivendo a jazzdoit@jazzmi.it.

 

JazzDo.it
Un progetto di Triennale Teatro dell’Arte e Ponderosa Music & Art
in collaborazione con Blue Note Milano
10-12 novembre
Triennale Teatro dell’Arte

 

In apertura i Jazz Lag. Appuntamento alle 11:30 di sabato 11 novembre in piazza Cordusio 4, Filiale Intesa San Paolo.

 

Commenti

commenti

Be first to comment