Tennis in chiesa

tennis in chiesa

In corso Italia c’è un campo da tennis speciale. Allestito nella chiesa sconsacrata di San Paolo Converso, il campo – dove si può giocare a tennis veramente – è un’installazione artistica dell’americano Asan Raza.

di Carolina Saporiti | 27 novembre 2017 

Te la sentiresti di tirare un dritto e un rovescio in mezzo agli sguardi di un pubblico… particolare? Nella chiesa di San Paolo Converso si può giocare a tennis!

La chiesa sconsacrata di corso Italia è sede, oltre che dello studio di architettura CLS, di Converso, che organizza mostre ed eventi culturali. Questo è l’ultimo. Si chiama Untitled (plot for dialogue) ed è un’opera dell’artista americana, classe 1974, Asan Raza.

Asan indaga gli spazi e il modo in cui essi sono abitati e vissuti dalle persone, prestando particolare attenzione alle interazioni che in essi scaturiscono tra le persone, ma anche con gli oggetti in essi presenti.

Ed ecco che un luogo di riflessione e spiritualità diventa luogo di scambio e svago. La società è troppo concentrata sul lavoro e allora, Raza, introduce racchette, una rete, del tè al gelsomino e anche degli allenatori, per invitare le persone a iniziare una partita di tennis in chiesa. Un modo per rilassarsi e ritrovare le energie, per entrare in contatto con altre persone e diventare parte attiva dell’installazione.

Converso è uno spazio espositivo dedicato all’arte contemporanea. Ospita mostre ed eventi di artisti di differenti generazioni, provenienti da Paesi differenti e che lavorano con linguaggi artistici diversi. Tutti sono invitati a ragionare sullo speciale luogo e a sviluppare progetti in dialogo con esso.

La chiesa cinquecentesca di San Paolo Converso custodisce gli affreschi di Giulio e Antonio Campi. La chiesa è stata sconsacrata a inizio Ottocento per volere di Napoleone. E dopo essere stato un magazzino, è diventata una sala per concerti di musica sacra e successivamente uno studio di registrazione.

Impugnate la racchetta e lasciatevi coinvolgere nella partita più particolare della vostra vita!

Commenti

commenti

Be first to comment