Ferdinando Scianna in tipografia

Tastiera monotype, Ferdinando Scianna

Il fotografo siciliano Ferdinando Scianna e le Edizioni Henry Beyle ospiti a Milano con una antologia di immagini in mostra e un volume in edizione numerata. Dal 18 al 31 gennaio alla Galleria Anotnia Jannone in corso Garibaldi.

di Mathilde Smith | 12 gennaio 2018

“Il profumo denso e inebriante degli inchiostri rimane”, così Ferdinando Scianna descrive – un po’ nostalgicamente – gli odori delle tipografie, luoghi da lui molto frequentati e molto amati. Un’antologia di immagini in mostra dal 18 al 31 gennaio alla Galleria Antonia Jannone di Milano (corso Garibaldi 125) raccontano il lavoro tipografico del fotografo siciliano, Scianna.

La mostra Un fotografo in tipografia è arricchita da un volume. Infatti oltre alle immagini, ospite della galleria sarà anche un libro che raccoglie 24 fotografie, edito da Edizioni Henry Beyle. Il testo verrà presentato in occasione dell’inaugurazione della mostra giovedì 18 gennaio alle 18.

Macchina fonditrice, foto di Ferdinando Scianna

Macchina fonditrice, foto di Ferdinando Scianna

 

“E poi ci sono i libri, e le tipografie, senza le quali i libri non esisterebbero. Ho avuto la fortuna di fare molti libri, e conosco bene le tipografie. In cinquant’anni di mestiere le ho viste cambiare molto. Ho in particolare fatto volumi con fotografie, e ancora non molti anni fa nel passaggio dalle pellicole alle lastre di stampa intervenivano anche le acidature per le correzioni tonali. Altri tempi, altri odori. Oggi molti passaggi sono governati al computer, elettronicamente. Anche olfattivamente più asettici”. Le fotografie in mostra testimoniano questo mondo che è cambiato, che a volte non c’è più e che però è ancora – e forse di più – ricco di fascino.

La battitura dei testi, la fusione dei caratteri, le macchine piano-cilindriche Nebiolo degli anni Cinquanta. Odori e metalli, alfabeti e segni grafici che le immagini e le parole di Ferdinando Scianna, i testi di Matteo Codignola e Stefano Salis, rendono nella loro vitalità, accompagnando noi spettatori nel mondo fascinoso della composizione monotype e della stampa tipografica.

Edizioni Henry Beyle realizzano i propri volumi ancora oggi con la composizione monotype, con carte di pregio e sono tutti a tiratura limitata. Il progetto iniziale, dedicato ai singoli elementi del creare, leggere, collezionare libri, è diventato oggi un catalogo con 190 titoli e con la presenza dei più significativi autori del Novecento.

 

Commenti

commenti

Be first to comment