Giornata della Memoria, Milano c’è

Memoriale della Shoah

Milano è in prima linea nelle celebrazioni dell’anniversario delle vittime dell’Olocausto, con una serie di eventi che coinvolgono l’intera città e che non si limitano alla sola giornata di domenica 27 gennaio.

di Marco Agustoni | 22 gennaio 2019

Come ogni anno, il 27 gennaio si celebra la Giornata della Memoria, ricorrenza volta a ricordare le vittime dell’Olocausto e a non dimenticare gli orrori dei campi di concentramento nazisti. La data è stata scelta in quanto il 27 gennaio del 1945 le truppe dell’Armata Rossa entrarono nel campo di concentramento di Auschwitz e ne liberarono i detenuti.

In questo 2019 Milano è in prima linea nel celebrare l’anniversario, con una serie di eventi che coinvolgono l’intera città e che non si limitano alla sola giornata di domenica 27 gennaio. Già a partire dai giorni precedenti, giovedì 24 e venerdì 25, proseguirà infatti il lavoro di posa nei marciapiedi delle pietre d’inciampo in giro per il capoluogo lombardo, così da contribuire a quello che è forse il più grande monumento diffuso mai concepito, con decine di migliaia di targhe sparse per l’Europa, ognuna dedicata a un deportato nei campi di concentramento.

polvere di stelle mostra

Una delle immagini parte della mostra Polvere di stelle

Il 25 gennaio sarà la volta dell’inaugurazione a Palazzo Marino della mostra fotografica e pittorica Polvere di stelle, in ricordo delle vittime della Shoah, realizzata dal pittore Tom Porta e dal fotografo Lorenzo Franzoni. L’esposizione a ingresso gratuito rimarrà aperta fino a sabato 2 febbraio. Lo stesso giorno, così come domenica 27 e lunedì 28, sarà visitabile gratuitamente il Memoriale della Shoah di Milano, sito negli spazi sottostanti alla Stazione Centrale di Milano, da cui partivano i treni del tristemente noto Binario 21, carichi di ebrei e oppositori politici: le visite guidate sono prenotabili al solo costo della prevendita su TicketOne.

Naturalmente, però, il fulcro della celebrazione sarà domenica 27 gennaio, con reading e concerti in programma in numerosi spazi cittadini. In occasione del centenario della nascita di Primo Levi, presso il conservatorio Giuseppe Verdi si svolgerà una serata in ricordo dell’autore di Se questo è un uomo. Geppi Cucciari leggerà alcuni brani di Levi, mentre a seguire i musicisti del Conservatorio, Intende Voci Chorus e la Corale Lirica Ambrosiana eseguiranno i Chichester Psalms di Leonard Bernstein.

Sempre il 27, presso la Palazzina Liberty Dario Fo e Franca Rame, nell’ambito della rassegna ContemporaneaMente, il coro Cantosospeso si esibirà nel concerto Levante: Gli ebrei d’Europa, con musiche di Mario Castelnuovo Tedesco, Arnold Schönberg, Heitor Villa-Lobos, João Bosco, Vinicius De Moraes, Caetano Veloso e dedica a Vlado Herzog, giornalista ebreo croato fuggito in Brasile all’epoca del nazismo e morto nel 1975 sotto la dittatura militare.

Vagoni al Memoriale della Shoah

Vagoni al Memoriale della Shoah

Non è solo Milano a mobilitarsi, perché la manifestazione è molto sentita in tutta Italia: fra le iniziative da segnalare spicca senza dubbio Run for Men, corsa sportiva non competitiva organizzata a Torino dall’UCEI (Unione delle Comunità Ebraiche Italiane) per ricordare le vittime della Shoah, con due percorsi, rispettivamente da 4 e 11 km, e testimonial come Luciana Littizzetto, Luca Argentero e il maratoneta olimpionico Shaul Ladany, sopravvissuto alla Shoah e all’attentato agli atleti israeliani delle Olimpiadi di Monaco del ’70.

Il numero di eventi organizzati ogni anno in occasione della Giornata della Memoria e la partecipazione che questi riescono a suscitare sono la testimonianza di come, a più di 70 anni di distanza, sia forte la necessità di ricordare quanto accaduto, forse anche perché da allora tanti altri massacri, spesso passati nel silenzio, sono avvenuti in varie parti del pianeta e tutt’oggi, sotto diverse forme, stanno ancora avvenendo.

Commenti

commenti

Be first to comment