Pinsa, il nuovo food trend

Croccante fuori e morbida dentro, dalla caratteristica forma allungata, ovale o rettangolare, e dall’alta digeribilità. La Pinsa è il food trend del momento.

di Marco Torcasio | 4 marzo 2019

Il nome ha la stessa etimologia della parola pizza, dal latino “pinsere”, letteralmente “pigiare, schiacciare”, e definisce l’azione di stendere la pasta, anche se molti attribuiscono al verbo il significato di “allungare” che descriverebbe proprio la forma ovale caratteristica. A un primo sguardo la pinsa sembra infatti molto simile alla pizza, ma le differenze tra i due alimenti sono sostanziali: dal mix di farine utilizzate, alla procedura di lavorazione dell’impasto, al tempo di lievitazione. La pinsa si distingue dalla comune pizza per il suo sapore, per la sua altissima digeribilità e per il suo impasto composto da: farina di soia, farina di riso, frumento, lievito madre e tanta acqua. Proprio l’elevata idratazione permette di gustare, dopo 72 ore di lievitazione, un prodotto fragrante, leggero e digeribile. La pinsa a Roma si prepara da tempo immemorabile, ma solo in epoca recente è stata oggetto di riscoperte, rivalutazioni e riletture che hanno oltrepassato i confini romani arrivando fino a Milano. In città al momento sono 4 i locali che si cimentano nella preparazione di questo prodotto povero da forno. Scopriamo quali.

Prima Comfort Food & Bar
Mosaici a pavimento e sugli archi ricordano le storiche abitazioni cubane dei primi del novecento, l’isola centrale fronte bar è tipica delle vecchie brasserie parigine, il retro banco bar richiama le vetrate anni venti e i piatti appesi alle pareti sono rivisitazioni artistiche di quelli più artigianali che si trovavano nelle trattorie italiane degli anni cinquanta. La lista drink dell’Head Bartender Marco Serio e del Bar Manager Daniele Molaro prende ispirazione dalla musica e dal cinema e si adegua ai gusti e ai profumi che cambiano con il passare delle stagioni. Oltre alle pinse classiche (focaccia, marinara, margherita) troviamo le Signature tra le quali segnaliamo la Friarielli, Salsiccia di Bra e provola di Agerola.

Roastbeef di Prima, fiordilatte di Agerola, gorgonzola, noci e miele di castagno.

Pinsa Per Te
Una boutique monomarca della pinsa, protagonista assoluta del menu. Tante le combinazioni per esperienze di gusto sempre diverse. Tra le classiche una menzione speciale per la pinsa Marco, con crema di zucca, zucchine, pomodori secchi e pepe nero. Tra le speciali, Laura prevede mozzarella, peperoni, salsiccia, pan grattato e basilico. Adele, nella sezione gourmet del menu, contempla mozzarella, fiori di zucca, salmone affumicato, stracciatella e prezzemolo. Ci sono anche le pinse dolci, ma tutte, proprio tutte, si chiamano con nomi propri di persona.

Le pinse di Pinsa per te

Un’altra Pasta
Un’altra pasta nasce da un’idea, un progetto di tre grandi amici Andrea, Marcello e Diego.
 Un ambiente amichevole e informale in cui immergersi nei sapori tipici italiani. Il menu distingue tra bianche e rosse. Tra le prime segnaliamo la 4 formaggi (mozzarella, Parmigiano Reggiano 24 mesi, Gorgonzola Novare IGP, Squacquerone), e la Bologna (mozzarella, mortadella Bologna, ricotta fresca, granella di pistacchio di Bronte).  Tra le rosse la Napoli Sbagliata (doppio pomodoro, bocconcini di bufala Campana, acciughe, origano) e la Gorgonduja (pomodoro, mozzarella, gorgonzola Novara IGP, nduja di Spilinga).

La pinsa di Un’Altra Pasta Milano

Piadineria Ripamonti 21
La community ufficiale degli appassionati  ha un suo portale di riferimento, www.pinsaromana.info, che si fa anche censore ufficiale dell’autenticità delle varie pinse sul territorio. Rientra  tra quelle “certificate” la pinsa della Piadineria Ripamonti 21. Quattordici le alternative in menu. Dalla Vegana con passata di pomodoro, rucola e pomodorini, alla Toscana con passata di pomodoro, mozzarella, salsiccia e gorgonzola. Dalla Bolzanina con passata di pomodoro, mozzarella, speck e funghi freschi, alla pinsa fritta al prosciutto cotto.

La pinsa di Piadineria Ripamonti 21

Birra&Brace (Solaro)
A circa 15km a nord-ovest dal capoluogo Lombardo, nel comune di Solaro, Birra&Brace fonda la propria identità nei valori di qualità, famiglia e condivisione. Tra le opzioni food anche parecchie varianti di pinsa: classiche, gourmet e speciali. Quella che riporta lo stesso nome del locale è farcita con mozzarella, salmone, arancia, pinoli, crema di aceto balsamico e aneto. La Campagnola invece si presenta ricca di mozzarella, patate, salsiccia, cipolla e crema ai formaggi.

La pnsa di Birra&Brace a Solaro

In apertura la Pinsa Signature di Prima Comfort Food & Bar con salmone affumicato, crème fraîche al lime, rucola e riduzione di aceto balsamico. 

Indirizzi 

Prima Comfort Food & Bar 
Via Casale 7, Milano

Pinsa Per Te 
Via Paola Sarpi 54, Milano

Un’Altra Pasta
Via Bergamini 5, Milano

Piadineria Ripamonti 21
Via Ripamonti 21, Milano

Birra & Brace
Via Varese 175/a, Solaro

Commenti

commenti

Be first to comment