Degni di nota, Andrea Mirò e Alberto Patrucco