Caricamento Eventi

« Tutti Eventi

  • Questo evento è passato.

Ravello festival Danza 2017

dom 2 Lug - sab 29 Lug

Ravello Festival

5 serate con 10 coreografie di cui 3 opere commissionate dal Festival in prima assoluta, due progetti speciali e, non ultimo la possibilità per i giovani danzatori campani del progetto di formazione del festival Abballamm!, di misurarsi con i coreografi di rilevanza mondiale presenti a Ravello: ecco in sintesi il programma della 65esima edizione del Ravello Festival Danza, la seconda diretta da Laura Valente.

Il tema scelto come filo conduttore è il muro. L’obiettivo è portare a coscienza quanto la danza sia in grado di scavalcare le barriere, cancellare i confini e vincere i pregiudizi e lo precisa bene il direttore artistico laura Valente: «L’intento è raccontare come la danza riesca a entrare nelle crepe delle differenze ideologiche, religiose, sociali e a rivelare la fragilità dei nostri preconcetti abbattendo i muri che ci dividono. È questo il potere di un’arte che, alle inquietudini e alle paure del nostro tempo, sa ancora opporre il desiderio di un orizzonte comune, fondato sulla convivenza tra mondi diversi attraverso il linguaggio del corpo e del movimento. Non a caso, la danza è sempre stata una terra capace di accogliere i “migranti” della cultura, trasformando il loro approdo in una risorsa, facendo del confronto e della contaminazione il codice genetico della sua stessa vita».

Armitage Gone Dance! Photo Credit: Julieta Cervantes

Armitage Gone Dance! Photo Credit: Julieta Cervantes

 

Il festival ha inaugurato il 2 luglio con la prima assoluta The Wall, una coreografia commissionata da Ravello Festival a Karole Armitage, che collabora qui con uno dei maggiori artisti contemporanei, Francesco Clemente, al suo debutto in un lavoro coreografico.

La seconda serata di Ravello Danza (11 luglio) ospita due creazioni di Marie Chouinard, l’eversiva coreografa canadese, neo direttrice della Biennale Danza  di Venezia.

Il 19 luglio arriva per la prima volta Ravello il coreografo israeliano Ohad Naharin con la sua Batsheva Dance Company.

Ancora per l’edizione 2017 la partnership speciale è realizzata con l’Accademia di Danza e  Sareyyet Ramallah/Palestine International Award for Excellence and Creativity. Un lavoro sui destini che si possono cambiare.

Batsheva Dance Company. Foto di Maxim Warat

Il 22 luglio l’esito del progetto prevede la messa in scena di due creazioni. Palestinian Karma, coreografia di Bassam Anu Diab e musica dal vivo di Majdi Lailache che racconta in danza storie di emigrazioni e integrazioni. A seguire Revolving Karma, un lavoro del coreografo salernitano Fabrizio Esposito realizzato con circa 60 allievi, dai 13 ai 20 anni,  selezionati da tutte le province campane, ispirandosi alla leggenda di Tirreno,  e al  karma che ogni popolo si porta sulle spalle.

Il 29 luglio l’appuntamento conclusivo prevede un programma composito con tre proposte di cui due in prima assoluta. Apre la serata Les Italiens de l’Opera de Paris, la compagnia nata recentemente sotto la guida di Alessio Carbone che ha riunito i danzatori italiani all’Opera di Parigi (su 16 stranieri in compagnia,  11 sono di origine italiana). Ed ecco Nuit de la danse: Bournonville, Béjart, Balanchine  e  Garnier, un omaggio al repertorio classico del grande teatro francese.

In prima assoluta, Simone Valastro, su commissione dal Festival, traduce in danza i temi dell’immigrazione, della diversità, dell’integrazione, della rinascita in Bread and Roses, mentre la seconda prima assoluta della serata è Black Dust  di Matteo Levaggi, coreografia scandita dalla partitura originale di Lamberto Curtoni, ispirata a Black Star di David Bowie.

 

Ravello Festival Danza 2017
2-29 luglio

Commenti

commenti

Luogo

Ravello
Ravello (SA)
Ravello (SA), Italia 065104 Italia
+ Google Map: