Innamorati del gelato

I milanesi si prendono molto sul serio anche quando si tratta di mangiare un gelato. Con il passare delle stagioni i gusti si sono evoluti e, dopo l’avvento del gelato gastronomico, per l’estate 2019 tocca a una nuova tendenza: l’ice cream pairing.

di Marco Torcasio | 25 giugno 2019

Le origini del gelato sono incerte: un riferimento si trova addirittura nella Bibbia, dove si racconta che Abramo ricevette dal figlio Isacco un misto di latte di capra e neve. Una cosa è certa: il gelato deve il suo successo al genio italico. Dai famosi “nivieri” siciliani, inventori della granita, al fiorentino Bernardo Buontalenti, “sorbettiere” alla corte di Caterina de’ Medici, fino a un altro siciliano, Francesco Procopio de’ Coltelli, fondatore del celeberrimo Cafè Procope di Parigi nel XVII secolo. Venendo ai giorni nostri, per gli inguaribili romantici, sporcarsi col cono è tuttora un modo per tornare bambini, mentre per chi sfida le convenzioni è una coccola dolce anche d’inverno. Per affrontare la calura estiva i milanesi addirittura non temono i gusti alcolici e, a ben guardare, è proprio nel capoluogo lombardo che prendono vita i format dedicati al gelato più interessanti e sorprendenti. Ne abbiamo scelto alcuni per voi. Con dolce sorpresa finale.

Drums

Per salutare l’inizio dell’estate, Drums (micro-galleria permanente allestita all’interno degli uffici di The Van Group) presenta “Eyes Cream – Il gelato come non lo avete mai visto”. Un viaggio multisensoriale che ha per protagoniste le creazioni del gelatiere pluripremiato Simone De Feo e le fotografie di Benedetta Marchi, storica collaboratrice di The Van Group, che fanno anche parte di un volume intitolato “Gelati”, curato da Lydia Capasso e pubblicato dalla Guido Tommaso Editore. Simone De Feo, della gelateria Cremeria Capolinea di Reggio Emilia, sarà presente eccezionalmente a Milano giovedì 27 giugno in occasione del vernissage della mostra con sei gusti ispirati al libro: toffee, sorbetto alle amarene, pistacchio, lampone e gin, un gusto gastronomico a sorpresa e uno special ideato appositamente per Drums.

Dal volume “Gelati” di Lydia Capasso. Guido Tommaso Editore

Terra Gelato

Per rinnovare in chiave contemporanea il rito preferito dai milanesi Terra Gelato presenta, ogni mercoledì e giovedì della stagione dalle 18:30, l’Aperitivo Gelato: occasione per degustare le ultime creazioni di gelato gastronomico del maestro gelatiere Massimo Grosso e del gelatiere Francesco Sampò, ideate con il titolare Gianfranco Sampò. Il format si compone di quattro ricette formato finger food in limited edition. Si inizia con un gelato all’Asparago di Altedo IGP adagiato su una cialda al mais, arricchito da briciole di tuorlo poché e da una scaglia di Parmigiano Reggiano DOP stagionato 36 mesi. La degustazione prosegue con la crema di Maionese allo Zafferano Abruzzese Navelli, racchiusa all’interno di un panino all’olio d’oliva e sesamo bianco, con lattughino e una rondella di würstel di suino. Il gelato gastronomico al Gorgonzola di Cameri DOP è una crema abbinata alla consistenza della Noce di Sorrento, adagiata su un disco di polenta dorato alla piastra, mentre il gran finale è riservato al sorbetto di Peperone di Carmagnola (varietà rossa) su chips all’olio extravergine d’oliva con salsa all’aceto balsamico IGP di Modena, olio EVO e acciughe. A completare l’esperienza il pairing con la birra artigianale Ocra di Diciottozerouno, una saison di ispirazione belga dal colore giallo carico, con una schiuma compatta e un ricco aroma esaltato dalle note speziate del lievito e da sentori di bergamotto e coriandolo.

Terra Gelato, Asparago di Altedo. Credits Ginevra Colnaghi ©

Gelato Libre

Da una passione per il gelato coltivata fin da bambino unita a un lavoro ventennale di ricerca e sperimentazione condotto da Gianluca Franzoni, nasce Gelato Libre, gelateria che utilizza esclusivamente cacao e frutta secca, facendosi promotrice di un nuovo modo di intendere il gelato, liberando la materia prima dalla “schiavitù” da latte e uova e valorizzando al meglio le sue qualità attraverso l’acqua, rigorosamente di sorgente. Il concetto “farm to cup” – dal campo alla coppetta – si esprime a partire da un’accurata selezione di materie prime che vengono poi tostate così da sprigionare tutti i loro aromi per poi essere trasformate in massa di cacao o paste di frutta secca. Grazie all’utilizzo di una macchina innovativa è possibile quindi avere un gelato sempre fresco, mantecato al momento. Cioccolato Criollo, Cioccolato e Whisky, Crema Libre, Tiramisù, Caramello, Makaron, Pistacchio e Nocciola sono gli otto gusti proposti da Gelato Libre esclusivamente in coppetta, biodegradabile e a basso impatto ambientale, per apprezzarli a pieno nella loro integrità.

Gelato Libre. Gusti Cioccolato e Whisky

Dorelli Milano


Sandeman Porto e Dorelli Milano, nuova gelateria ispirata dal claim “il piacere del buonumore”, provano a rivoluzionare i sapori dell’aperitivo. Ogni giovedì sera l’appuntamento è in gelateria per gustare un abbinamento inedito che porta a Milano il trend dell’ice cream pairing con cinque ricette gourmet, dolci e salate, che sposano l’aroma di frutti rossi, prugna e fragola di Sandeman Fine Ruby o le note di vaniglia e frutti tropicali di Sandeman Fine White. La Crema verde di capra in cera d’api si ispira al classico abbinamento con il formaggio erborinato. La Crema Ribeira vede il cioccolato fondente e le note agrodolci delle amarene espandere i sapori di frutti di bosco e prugne del porto Sandeman Fine Ruby. Il gusto Sandeman è una crema a base uova avvolta dalla rotondità di Sandeman Fine Ruby. La Crema di arachidi punta sull’equilibrio con i lievi sentori di vaniglia di Sandeman Porto Fine White. Infine il Sorbetto di Fondente Guayaquil con arancia caramellata e note di caffè e castagna del cioccolato sposa i frutti tropicali, l’ananas, il mango, la vaniglia e la macadamia del porto Sandeman Fine White. È inoltre disponibile tutti i giorni (lun-dom h. 11-21) nella linea di gusti gourmet Prestige il nuovo “Gelato al Porto Sandeman Fine Ruby”.

Sandeman Summer Sundae, l’Ice Cream Pairing di Dorelli Milano

Toldo Milano

Da Toldo Milano in Brera si possono assaggiare due nuovi gusti: il gelato alle olive taggiasche e alla senape di Digione. Il primo è realizzato con olive taggiasche, olio extravergine e focaccia ligure sbriciolata di Fratelli Carli. Il secondo è invece preparato con senape di Digione e frolla sbriciolata di Streuzel salato al cacao. Due “chicche” che ben esprimono lo spirito e l’approccio all’arte gelatiera di Antonio Cipriano, il patron di Toldo, che osa una vera e propria incursione nell’universo del gelato gastronomico, proponendo non solo un dessert ma una ricetta adatta ad accompagnare, perché no, anche piatti ricercati. Da provare in abbinamento a uno Spritz o a un cocktail per un aperitivo sfizioso e fuori dagli schemi e da portare a casa per stupire i propri ospiti. Per la bella stagione Toldo Milano propone anche una nuova linea di sorbetti senza latte e senza uova. Tra i nuovi gusti, adatti anche alle esigenze “vegan”, il sorbetto alla spirulina e quello al latte di cocco & curcuma ispirato alla bevanda Golden Milk, molto in voga soprattutto negli USA.

Toldo Milano

Mascherpa

Non è tecnicamente un gelato, ma rientra di diritto tra i dolci piaceri da concedersi in città. A distanza di un anno dall’apertura, Mascherpa – prima “Tiramisuteca” di Milano – stupisce con il lancio del gusto tiramisù all’albicocca e celebra la Pride Week con l’originalissimo Tiramisù Multicolor. Ideato appositamente per omaggiare la rainbow flag, simbolo LGBTQI+ nel mondo, è disponibile fino al 30 giugno presso la boutique in Via Edmondo de Amicis 7 nel classico vasetto da 150 gr.

Rainbow Tiramisù, Mascherpa

In apertura una foto del gelato all’Asparago di Altedo @ Terra Gelato, ph. © Ginevra Colnaghi.

Drums
Via Cucchiari 27, Milano

Terra Gelato
Via Vitruvio 38, Milano

Gelato Libre
Via Giosuè Carducci 12, Milano

Dorelli Milano
C.so Magenta 27, Milano

Toldo Milano
Via Ponte Vetero 9, Milano

Mascherpa
Via Edmondo De Amicis 7, Milano

Commenti

commenti

Be first to comment