Una terrazza sul lago di Como

Lago Brunate

Balcone panoramico sulle Alpi e il lago di Como, il borgo di Brunate, raggiungibile da Como con la storica funicolare, è la stazione di partenza per splendide escursioni nella natura tra ville Liberty, antichi eremi e baite goderecce.

di Alessandra Cioccarelli

A Milano i parchi, alcuni anche molto belli, non mancano. A volte chi abita in una città movimentata e iperattiva come Milano sente però la necessità di staccare completamente la spina. La fortuna è che molto vicino da Milano, anche muovendosi in treno, ci sono tantissime possibilità di escursioni nella natura. Una di queste parte da Como e risponde al nome di funicolare di Brunate. In pochi minuti di passeggiata si raggiunge da Como la partenza di una funicolare che in un batter d’occhio conduce ai 716 metri di Brunate. Oggi folcloristico mezzo di trasporto, la funicolare di Brunate, inaugurata nel dicembre del 1894, era all’epoca un mezzo tecnologico d’avanguardia che contribuì a trasformare un modesto villaggio agricolo in un modaiolo luogo di villeggiatura per l’agiata borghesia lombarda.

Ville liberty e il Faro Voltiano. A spasso nel borgo di Brunate
Giunti a destinazione – la funicolare si arrampica lungo il ripido pendio superando in pochi minuti ben 500 metri di dislivello – potrete ammirare il centro storico di Brunate, un susseguirsi di scalinate e viuzze storiche ricche di edifici dagli antichi e imponenti portali in pietra. I più importanti sono la Corte del Castello e la Corte degli Ebrei risalenti al XIV secolo e la Cappelletta, una minuscola chiesa dedicata alla Madonna di Pompei. Nel borgo si incontrano poi ville in stile eclettico e Liberty orlate da magnifici parchi. Dal centro del borgo si raggiunge quindi la località di villeggiatura di San Maurizio e proseguendo si arriva alla Cima delle Tre Croci dove si trova la nota Torre Ottagonale del Faro Voltiano. La Torre è stata edificata nel 1927 in occasione delle celebrazioni del 1° centenario della morte di Alessandro Volta, originario di Como. Da qui si gode un magnifico panorama sul lago di Como e nelle giornate terse l’occhio può spaziare fino al Monte Rosa. Un altro belvedere spettacolare si gode raggiungendo la Fonte del Pissarrottino, proprio nel luogo di arrivo della funicolare.

Funicolare Como Brunate

Funicolare Como Brunate

Passeggiata nel bosco con tappe golose. La strada delle baite
Brunate non è nota però solo per il suo borgo ma anche come stazione di partenza per le passeggiate. Una di queste è la Strada delle baite – seguite gli appositi cartelli e non potrete sbagliarvi –, una piacevole escursione nel bosco che parte dai 1000 metri e prende il nome dalle tante baite che si incontrano lungo il cammino: la Capanna CAO, la Baita Carla e la Baita Bondella, golosi indirizzi dove assaggiare le specialità della zona… selvaggina, polenta, funghi e tante rustiche ricette locali. Lungo il cammino potrete ammirare splendide ville e giardini dal fascino crepuscolare, oltre ai suggestivi scorci sui monti della zona lariana e sulla maestosa sagoma del Rosa. Giunti alla Baita Bondella (1075 metri) – siete sul sentiero numero 1 che in 30 chilometri giunge volendo sino a Bellagio – inizia la parte più escursionistica e panoramica dell’itinerario che conduce al rifugio Boletto e all’omonimo monte. Da qui il sentiero, a tratti impreziosito da filari di abeti e betulle, piega leggermente a sinistra del crinale e si rivolge verso il lago con scorci sorprendenti. In una quarantina di minuti di cammino dalla baita Bondella si giunge alla Bocchetta di Molina/Baita San Pietro, luogo soleggiato e panoramica perfetto per una sosta di relax.

Arrivati alla Bocchetta di Molina? Le escursioni continuano
Siete giunte alla Bocchetta di Molina e avete ancora fiato ed energie per passeggiare? Potete scegliere tra due alternative, di diversa lunghezza ma ugualmente belle. La prima opzione è proseguire per Bocchetta di Lemna e di qui discendere verso Faggeto Lario (frazione Lemna): in circa 2 ore e 40 di cammino giungerete alla Statale per Como. In alternativa dalla Bocchetta di Molina potete scendere verso Molina (frazione di Faggeto) e giungere in circa 2 ore alla statale per Como. Una curiosità: nella frazione Palanzo a 10 minuti circa da Lemna è possibile visitare un torchio monumentale del Cinquecento, sempre aperto e visitabile. Molina, Palanzo, Lemna sono i tre pittoreschi borghi che adagiati a 600 metri circa compongono il panoramico comune di Faggeto.

Ritorno in funicolare o lungo la via delle Scalette
Terminata la vostra escursione con pranzo al sacco o sosta golosa in qualche baita godereccia potete scegliere se tornare a Como in funicolare o a piedi. Nel secondo caso vi aspetta una bella mulattiera, anche detta via delle Scalette, che in un’oretta scarsa da Brunate vi condurrà a Como. Lungo la mulattiera, un collegamento costruito nel 1817 per agevolare i lavoratori che si spostavano tra il paese e la città, incontrerete l’Eremo di San Donato. Eretto su una roccia tra i boschi dai frati francescani nel XV secolo, è stato un convento fino al 1772 e attualmente è di proprietà privata. Nei pressi dell’Eremo zampilla anche una cascata dove potreste sostare per refrigerarvi prima di concludere la vostra camminata. E all’arrivo…che ne dite di un buon gelato lungolago?

Commenti

commenti

Be first to comment