Bookcity Milano 2019: tra Africa e Barcellona

Bookcity Milano, foto di Alessandra Lanza

Dal 13 al 17 novembre, torna l’ormai tradizionale appuntamento con la “lettura diffusa” in tutta Milano. Quest’anno focus sulle Afriche e gemellaggio con Barcellona.

di Marco Agustoni | 9 ottobre 2019

Giunto alla sua ottava edizione, Bookcity Milano è ormai entrato nel calendario degli appuntamenti consuetudinari del capoluogo lombardo. Le misure di questo successo lo danno i numeri delle passate stagioni, ma soprattutto la ricchezza dell’annata 2019, che da mercoledì 13 a domenica 17 novembre animerà librerie, teatri, locali, associazioni, negozi piazze e persino abitazioni private di eventi e presentazioni.

Proprio la capillarità raggiunta quest’anno da Bookcity 2019 è uno degli elementi messi in luce durante la presentazione dell’appuntamento dall’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno. La manifestazione raggiungerà infatti non solo tutti i quartieri di Milano, ma anche ogni singolo CAP cittadino. E attraverserà la città con un “percorso di lettura itinerante” lungo la linea 3 che collega il Duomo con Gratosoglio.

Ci sarà, è ovvio, un epicentro, ovvero Castello Sforzesco, e ci saranno alcuni luoghi privilegiati, ovvero i “distretti ideali” di Corvetto-Chiaravalle, NoLo e GiaLo. Allo stesso modo sono stati pensati dei poli tematici, ad esempio con l’argomento Cibo e Cucina assegnato a Cascina Cuccagna e le iniziative per i bambini concentrate al MUBA e al Teatro Munari. Ma il punto è che quest’anno Bookcity si propone di essere letteralmente ovunque.

fernando aramburu

Lo scrittore basco Fernando Aramburu è fra i grandi ospiti internazionali di Bookcity Milano 2019

Dopo l’anteprima tra venerdì 8 e domenica 10 novembre con una serie di appuntamenti nelle librerie, l’apertura di Bookcity 2019 è prevista per mercoledì 13 novembre al Teatro Dal Verme con Convivenze, un incontro con due grandi firme della letteratura contemporanea come Fernando Aramburu e Paolo Giordano, la filosofa Michela Marzano e il poeta Simone Savogin. La serata conclusiva (con sorpresa) è in programma per il 17 presso il Teatro dell’Arte con Goethe/ Schubert/Beethoven. Parole e Musica, concerto con letture de LaFil – Filarmonica di Milano.

Molti, come sempre, gli ospiti italiani e internazionali in cartellone, fra i quali, oltre ai già citati Giordano e Aramburu (quest’ultimo riceverà dal sindaco Giuseppe Sala il Sigillo della Città), si segnalano Amitav Gosh, Robert Harris, Ken Follet e Jojo Moyses. Per la prima volta viene presentato un focus tematico, incentrato sulle Afriche (sempre più presenti, come nota Del Corno, nella popolazione milanese, soprattutto fra i più giovani), con oltre 100 eventi in programma. Il gemellaggio proposto quest’anno, dopo quello della passata edizione con Dublino, è invece con la città catalana di Barcellona.

Per finire, numerose le iniziative destinate ai più giovani, con Bookcity Young e Bookcity per le Scuole, il che si merita durante la presentazione il plauso di Beppe Sala, convinto che la missione principale del festival consista nel guadagnare nuovi lettori nelle fasce di età più importanti, ovvero fra i giovani e i giovanissimi. A giudicare dal programma completo, consultabile sul sito di Bookcity, le premesse sono più che incoraggianti.

Bookcity Milano 2019
Castello Sforzesco e altri luoghi
Mercoledì 13 – Domenica 17 novembre

bookcity milano 2019

Commenti

commenti

Be first to comment