La forza dell’autenticità

DANI REISS

Lo scorso settembre, in via della Spiga 10 a Milano, ha aperto le porte il primo monomarca italiano di Canada Goose con una sorpresa capace di regalare emozioni “da brivido”. Abbiamo intervistato Dani Reiss, presidente e CEO del gruppo.

di Redazione web | 14 ottobre 2019 

È una storia di famiglia quella di Canada Goose: prende il via quasi sessant’anni fa in un piccolo magazzino di Toronto aperto dal nonno di Dani Reiss, attuale AD del brand, e arriva ai giorni nostri, con un luxury brand presente in quasi 50 Paesi, che non ha mai perso il legame con le sue radici e che ancora oggi continua a produrre i suoi capispalla interamente in Canada. Lo scorso settembre, in via della Spiga 10 a Milano, ha aperto le porte il suo primo monomarca italiano con una sorpresa capace di regalare emozioni “da brivido”.
È riuscito a fare di Canada Goose un luxury brand conosciuto in tutto il mondo, qual è il suo segreto?
Quando nel 2001 ho rilevato la società, producevamo principalmente prodotti per terzi. Al di là del Canada settentrionale o dell’Antartide, nessuno aveva mai sentito parlare di noi come Canada Goose. Detto questo, chiunque avesse indossato le nostre giacche sapeva quanto fossero incredibilmente calde, quindi mi sono reso conto che avevamo qualcosa di speciale e ho iniziato a produrre esclusivamente con il nostro marchio. Da allora siamo cresciuti, diventando il primo e unico vero marchio di lusso canadese globale.
Qual è la filosofia di Canada Goose?
L’autenticità è al centro di Canada Goose. Realizziamo prodotti autentici che svolgono al meglio la loro funzione. Essere realizzati in Canada è uno dei pilastri più forti del nostro successo. Circa 15 anni fa, molti produttori di abbigliamento si spostarono per migliorare i margini di profitto, ma io sapevo che se fossimo rimasti, essere fabbricati in Canada poteva diventare un vantaggio competitivo. Ho creduto allora, e lo credo ancora oggi, che alle persone importi come e dove vengono realizzati i prodotti.
Dove trovate l’ispirazione per le vostre collezioni?
Guardando al futuro, vogliamo continuare a fornire prodotti funzionali e offrire esperienze eccezionali a chi ci sceglie. Ci entusiasma vedere la crescente domanda per le nostre collezioni Spring e di maglieria, i nostri fan scoprono prodotti Canada Goose adatti a climi diversi e per usi diversi.

Canada Goose, via della Spiga 10

Canada Goose, via della Spiga 10

Cosa rende speciale un parka Canada Goose?
Sin dagli esordi, abbiamo creato prodotti performanti. Un buon design significa funzionalità. Ciò non significa che questa scelta vada a scapito dell’estetica, ma la moda non è mai ciò che guida il nostro design. Realizziamo i nostri prodotti utilizzando materiali e artigianato di altissima qualità. Il nostro parka più famoso, lo Snow Mantra, è probabilmente rinomato come il cappotto più caldo della Terra, è stato testato sul campo a temperature fino a -70 gradi Celsius, mentre il nostro parka Expedition è l’originale parka per condizioni meteorologiche estreme, sviluppato per gli scienziati che lavorano nella stazione McMurdo, in Antartide.
Canada Goose ha appena aperto un nuovo negozio a Milano e ha anche lanciato l’e-commerce italiano…
Siamo stati in Italia per quasi 20 anni: è stato uno dei primi mercati ad accoglierci. Aprire un negozio a Milano è sempre stato un sogno. Questo negozio consolida la nostra posizione ed è una rappresentazione perfetta della nostra eredità canadese intrecciata con elementi di design milanese. Siamo sempre alla ricerca di nuove opportunità per crescere e comunicare direttamente con i clienti. Ci sono ancora molti spazi bianchi da riempire per Canada Goose, anche dal punto di vista del prodotto, stiamo ampliando le nostre categorie con maglieria, abbigliamento antipioggia e abbigliamento antivento.
Tra le sorprese dello store la presenza di una cold room, di cosa si tratta?
È una stanza speciale per far testare alle persone i nostri capi. Al suo interno le temperature scendono fino a -25 gradi Celsius ed è inoltre possibile ricreare vento e neve per intensificare l’esperienza e aiutare i clienti a scegliere la giacca giusta per ogni situazione.
La vostra ultima campagna Live In The Open racconta le speciali relazioni con la natura di tre protagonisti: Alice Pasquini, street artist, Jiayi Zhao, guida nel polare artico e Jordin Tootoo, campione di hockey su ghiaccio di etnia Inuit. Come mai questa scelta?
Come marchio ci siamo sempre concentrati sulla narrazione. Abbracciamo le persone che fanno le cose in modo diverso, rompendo i confini e connettendosi con il mondo esterno, sia fisicamente che emotivamente. La campagna globale di Live in The Open racconta la storia di persone che stanno coraggiosamente aprendo nuove strade, ma che poi sono anche spinte a tornare nella loro comunità e a restituire alla gente ciò che le ha ispirate.
Quali sono i prossimi obiettivi di Canada Goose?
I consumatori vogliono di più da Canada Goose, lo sappiamo, ma rimarremo sempre fedeli alla nostra identità. I nostri prodotti devono essere innanzitutto funzionali, quindi è molto importante che ogni nuova categoria abbia uno scopo, proprio come abbiamo fatto con l’espansione nell’ambito dei piumini leggeri, della maglieria e dell’abbigliamento antipioggia e antivento. Abbiamo anche appena lanciato la nostra collezione Branta, che comprende pezzi versatili e adattabili e usa la lana italiana Loro Piana.

 

Canada Goose Milano
via della Spiga 10
Milano

 

Commenti

commenti

Be first to comment