10 anni di Fotografia Etica

Darcy Padilla © Darcy Padilla

Dal 5 al 27 ottobre il Festival della Fotografia Etica di Lodi festeggia la sua decima edizione confermando la propria vocazione a raccontare il mondo per immagini.

di Redazione web | 3 ottobre 2019

“Diffondere sempre più il linguaggio fotografico e la sensibilità culturale che ne consegue, tra i non addetti ai lavori” è questo l’obiettivo che si è dato il Festival della Fotografia Etica di Lodi che all’alba di questa nuova edizione conferma un successo e una partecipazione crescenti, come attestano il numero e la qualità mai raggiunte prima delle opere concorrenti al World Report Award 2019: ben oltre 600 candidature arrivate da 44 fotografi di nazionalità differenti, in rappresentanza di tutti e cinque i continenti. Il focus resta raccontare il mondo con immagini capaci di parlare a un vasto pubblico attraverso uno sguardo che può essere a tratti crudo e privo di filtri, a tratti in grado di smussare gli angoli della realtà grazie a una visione poetica. L’intento è restituire un’idea di speranza e condivisione, capace di accendere riflessione e discussione. Ed è infatti proprio questo quello che succede ad esempio con i lavori vincitori delle sette categorie che compongono World Report Award, a partire da Dreamers, il reportage di Darcy Padilla per la sezione Master, un potentissimo portfolio sulla riserva indiana di Pine Ridge, considerato il posto più povero in America, dove la comunità sta lottando con il flagello dell’abuso di alcol e delle metanfetamine.

Raffaele Gianluca Colonnese © Raffaele Gianluca Colonnese

Raffaele Gianluca Colonnese © Raffaele Gianluca Colonnese

La sezione Uno sguardo sul mondo prevede quattro mostre: una sui Jilet gialli in Francia, un’altra sulla carovana dei migranti in Sud America, dall’Honduras al confine con gli USA a Tujuana, un’altra ancora su Dubai e sui paradossi di questa lussuosa oasi artificiale nel deserto. Per arrivare infine alla mostra firmata da Marco Zorzanello che esplora aree che stanno subendo il cambiamento climatico e dove si sta sviluppando una forma di turismo particolare dalla Groenlandia al Mar Morto alle Dolomiti. Spazio tematico dedicato all’Italia che ospiterà reportage e lavori realizzati da grandi fotografi italiani nel nostro paese: Marco Valle con Mare Mostrum, una riflessione sul futuro della costa italiana e più in generale sulla relazione tra ambiente naturale e uomo; Diana Bagnoli con la Prima Comunione a Napoli, la grande Letizia Battaglia con una selezione dei suoi scatti di cronaca diventati documenti storici e ancora Massimo Berruti con Epidemic che racconta il fenomeno della Terra dei Fuochi, mentre Michele Borzoni e Rocco Rorandelli espongono un’indagine sui cambiamenti del mondo del lavoro e un’analisi della galassia della scuola italiana. Spazio anche al lavoro di 18 fotografi della rivista “Ludesan Life” che hanno cercato e trovato 18 storie di immigrazione analizzate e documentate soprattutto dal punto di vista del lavoro, chiave di svolta della riuscita o della mancata integrazione, ma per il programma completo si veda qui. Contemporaneamente al Festival in programma anche FFE-OFF un circuito di mostre fotografiche esposte nei negozi, bar, ristoranti, gallerie, circoli culturali e aree pubbliche della città. Insomma quattro settimane dense di proposte, di fotografia e di umanità.

Leonardo Chiarabini © Leonardo Chiarabini

Leonardo Chiarabini © Leonardo Chiarabini

Festival Fotografia Etica di Lodi
5 – 27 settembre 2019
www.festivaldellafotografiaetica.it

Commenti

commenti

Be first to comment