Se buon appetito è meglio di ti amo

Una dichiarazione d’amore per la buona cucina è il miglior modo per trascorrere la notte di San Valentino lontano da cliché e stucchevoli consuetudini. Bye bye al classico “ti amo”. Provate con il più realistico “buon appetito”.

 di Marco Torcasio | 12 febbraio 2020

Armani / Ristorante

Chef Francesco Mascheroni ha concepito una carta che stuzzica gli innamorati con giochi di consistenze e dolci contaminazioni. Un quartetto di amuse bouche per cominciare: Macarons al Campari; Mini falafel di piselli e ceci, babaganoush, gel di peperone; Cialda di alga wakame, ostrica cremosa, salicornia; Tacos croccante, spuma di avocado, lime, furikake. E poi ancora cinque portate: Ventresca di tonno rosso, riso, uova strapazzate, ricci di mare, naschi; Tiepida, patata di montagna affumicata, porro dolce, caviale; Foie gras, tartufo nero, topinambur, burro nocciola, vaniglia Bourbon; Cotto nel fieno, astice, burrata, orzo mantecato, sherry; Cuore di cioccolato Ivore, rhum, liquirizia, frutto della passione.

Formula: 150€ per persona, bevande escluse.

Cuore di cioccolato Ivore, rhum, liquirizia, frutto della passione

Terrazza Gallia

La cucina degli chef Vincenzo e Antonio Lebano accoglie gli ospiti in uno dei rooftop bar più luxury della città. Per la soirée di San Valentino impossibile non innamorarsi (anche) della carta. Cannoncino croccante, burrata, limoni; Rocher di foie gras, nocciola, porto rosso; Barbabietola soffiata, uova di salmone, crema acida; Ostrica, lamponi; Ricciola marinata alle erbe, caviale asetra, mandarino; Risotto “il chicco del mulino”, granchio, tè matcha, yuzu; Trancio di spigola, zuppetta di bouillabaisse, zafferano; Menta e cioccolato; Millefoglie alla vaniglia, frutto della passione, caramello salato; Piccole dolcezze in chiusura.

Formula: 160€ per persona, vini non inclusi.

Cannoncino croccante, burrata, limoni; Rocher di foie gras, nocciola, porto rosso; Barbabietola soffiata, uova di salmone, crema acida; Ostrica, lamponi

Orma Bruna

Il ristorante che rende contemporanea la cucina abruzzese e marchigiana del giovane chef Achille Esposito apparecchia i tavoli per due a San Valentino. Due piccoli amuse bouche di benvenuto come frecce di Cupido: una montanara con pomodoro e acciughe e un’afrodisiaca ostrica con mela verde e prosecco. Si prosegue con il carciofo alla romana (che combina l’incontro tra cacio abruzzese e crudo di gambero rosso); lo Spaghetto “Mancini” con moscardini, crema di patate alla cenere e paprika; e lo sgombro scottato e servito su una purea di mela rosa del Piceno e cavolo cappuccio all’aceto di lampone. A chiudere in dolcezza ci pensano i popcorn caramellati e le pesche dolci, due semisfere all’Alchermes ricoperte di zucchero e unite da uno strato di crema pasticciera.

Formula: 40€ per persona, acqua e pane inclusi. Due proposte di vini in abbinamento: 10€ per due calici, 15€ per tre calici.

Spaghetto Mancini con moscardini, crema di patate alla cenere e paprika

SINE Ristorante Gastrocratico

In onore alle proprie origini partenopee, Roberto Di Pinto, lo chef patron di SINE Ristorante Gastrocratico, ha infatti pensato a un menu che esprime tutta la sensualità e il calore della cucina mediterranea. Ad aprire la cena, dopo gli stuzzicanti finger food di benvenuto, Capesante scottate, sedano rapa, limone e tartufo nero pregiato e Tartare di Fassona, panella siciliana, maionese ai capperi e lenticchie Beluga. Il ragù alla genovese (quindi solo con carne e cipolle, senza pomodoro), un grande classico napoletano, entra come ripieno nei piccoli ravioli piemontesi pizzicati a mano nel primo piatto: Plin alla genovese, Provolone del Monaco, fondo d’arrosto e nocciole tostate. Rombo, cardoncelli e zabaione d’ostrica chiude invece la sequenza delle portate principali. Panachè di birra Capri e cedro è il pre-dessert che prelude a un bis golosissimo da condividere con il proprio partner: Eruzione di limone (diventato ormai un icon dish dello chef) e Flipper al cioccolato.

Formula: 75€ per persona, bevande escluse.

Sine Ristorante Gastrocratico © Liana Solis

Peck CityLife

La serata ha inizio con l’aperitivo di San Valentino: il bar tender Riccardo Brotto ha creato due cocktail: Bonnie & Clyde. Il primo è preparato con vodka, bacche di goji, liquore Chambord, spuma di champagne, succo di mirtillo nero e mango piccante; il secondo è realizzato con whisky, mango, caffè, pepe e fiori di camomilla. I cocktail sono accompagnati da una selezione dei più pregiati salumi e formaggi Peck. I festeggiamenti proseguono nel ristorante con il menu di San Valentino: apre una amuse bouche a sorpresa, accompagnata da un calice di Champagne Perrier Jouet Grand Brut. Segue l’antipasto di Gamberi in Salsa Cocktail e il Tonno Rosso scottato con Topinambur ed Origano. Il dolce Rose Passion, a base di fragole e rosa con crema montata al cioccolato bianco e vaniglia, è appositamente creato dal Pastry Chef Peck Galileo Reposo.

Formula: aperitivo (cockttail + tagliere Peck) 30€; cena 59€ per persona, bevande escluse.

Il dolce Rose Passion

Wicky’s Innovative Japanese Cuisine 

Per San Valentino Wicky’s Innovative Japanese Cuisine propone un menu kaiseki, ispirato alla vera cucina giapponese, ma contaminata da ingredienti mediterranei, in un percorso unico che va dalle portate salate fino alle tentazioni dolci. Tonno rosso con alga iwanori; Hamachi al profumo di sakura; Cappellini giappones; Sushi Edomae; Black cod; Il Maialino; Il cuore di matcha. La sera di venerdì 14 febbraio sarà comunque disponibile il menù alla carta.

Formula: 120€ per persona, bevande escluse.

Terrazza Palestro

Il Ristorante rappresenta l’amore utilizzando la metafora del fiore e in occasione di San Valentino, nelle due eleganti sale interne, ogni tavolo sarà infatti caratterizzato da una mise en place molto romantica: ognuno di essi avrà come protagonista un fiore, accompagnato da una riproduzione dei bozzetti floreali dell’artista e botanico Pierre-Joseph Redouté, il disegnatore prediletto della Regina Maria Antonietta alla corte di Versailles. Senza imposizioni per il menu, è possibile scegliere tra uno dei piatti preferiti della carta, da un primo homemade come i Tagliolini di grano saraceno con sugo ai finferli o un Filetto di Fassona con trevisana e riduzione di Porto. Chiude in dolcezza il Tondo esotico, una mousse alla mandorla su base croccante, gelatina al mango, namelaka di cioccolato al caramello e frutto della passione.

Particolare Milano

Il nuovo giardino d’inverno da poco inaugurato merita di essere scoperto in dolce compagnia. Per San Valentino il menu degustazione al ristorante Particolare dà il benvenuto alle coppie con un’Ostrica al Bloody Mary e prosegue poi con Battuta di Fassona piemontese, caviale, patata viola e sedano croccante; Polpo tre cotture, vellutata di ceci, passion fruit, pomodorini confit; Risotto al parmigiano, crudo di gambero rosso, pesto in polvere e creme fraiche; Tataki di tonno, salsa all’arancia, puntarelle e senape in grani; Petto di anatra, coulis di lamponi, cicoria e maldon; Mezza sfera al cioccolato, crumble alle mandorle e frutti di bosco.

Formula: menu degustazione a 50€ per persona con il percorso in abbinamento di due vini a 12€ o tre calici a 16€.

In apertura ilCuore di cioccolato Ivore, rhum, liquirizia, frutto della passione di Armani / Ristorante.

Indirizzi

Armani / Ristorante
Via A. Manzoni 31, Milano

Terrazza Gallia
P.zza Duca D’Aosta 9, Milano

Orma Bruna
Via Montevideo 4, Milano

SINE Ristorante Gastrocratico
Viale Umbria 126, Milano

Peck CityLife
P.zza Tre Torri, Milano

Wicky’s Innovative Japanese Cuisine
Corso Italia 6, Milano

Terrazza Palestro
Via Palestro 2, Milano

Particolare Milano
Via Tiraboschi 5, Milano

Commenti

commenti

Be first to comment