Viaggio in Italia: a Venezia

Venezia-Piazza-San-Marco

A Venezia sulle orme di Antonia Sautter

Questa rubrica inizia nel momento più simbolico della ripartenza dell’Italia dopo l’emergenza sanitaria. Nasce contemporaneamente alla riapertura dei confini tra regioni. È un omaggio alle nostre città più belle, viste dagli occhi di chi le vive e le ama. È un invito a tornare a viaggiare, a scoprire o riscoprire i nostri luoghi del cuore, i nostri tesori e, soprattutto, a tornare a sentirci sicuri.

di Carolina Saporiti | 4 giugno 2020

Il nostro viaggio in Italia inizia da Venezia, la città dove ogni giorno si manifesta e si realizza l’impossibile: non esiste posto migliore per ricominciare dopo un periodo di difficoltà e pessimismo. Ci siamo stati due settimane prima che riaprissero i confini tra le regioni e l’abbiamo trovata silenziosa e rilassata: l’eco delle voci e dei passi nelle calli ancora più forti del solito e i ritmi dei nostri spostamenti dettati solo dalla velocità delle nostre gambe, senza interruzioni. Come il suo teatro La Fenice, Venezia sta una volta per tutte rinascendo? I primi turisti stanno iniziando ad arrivare e nonostante non si sia delineata ancora una strategia per trasformare l’accoglienza della città loro, i Veneziani, sono pronti a fare bene e a cambiare. Abbiamo incontrato Antonia Sautter, imprenditrice veneziana, creatrice di eventi magnifici e titolare di due boutique a San Marco. È lei la regina del Carnevale durante il quale, dal 1994, dà vita a Il Ballo del Doge, un sogno a occhi aperti. “Abbiamo vissuto un momento di smarrimento, è stata un’esperienza epocale e proprio per questo è il momento giusto per cambiare. Bisogna pensare e pianificare una nuova Venezia, puntando sui Veneziani che la amano davvero e sui giovani. Ci vuole coraggio”.

Canal Grande, Venezia

Ecco da dove ripartire a Venezia, sulle tracce di Antonia Sautter.

Lo scorcio o la vista più bella

Ce ne sono diversi. Una delle viste più belle è quella che dai “Granai” della Giudecca guarda al bacino di San Marco. Io, poi, per respirare vado a Punta della Dogana, ma il mio posto del cuore sono le Zattere.

I miei ristoranti

Senz’altro Da Ivo: Giovanni il proprietario è un uomo di gran cuore e mette passione in quello che fa. È davvero “veneziano”.

Ristorante Da Ivo, San Marco, 1809.

I miei bar

Il bar della Fenice e Ancòra in Erbaria, specialmente la sera, con la sua vista splendida sul Canal Grande.

Teatro La Fenice, Campo San Fantin, 1965. Ancòra, San Polo,120.

L’hotel preferito

Sono due: il Metropole, di Gloria Beggiato e l’Excess di Elisabetta Dotto. Due alberghi a conduzione quasi familiare e al femminile.

Hotel Metropole, Riva degli Schiavoni, 4149; Hotel Excess, Fondamenta San Sebastiano, 2542.

Il monumento da scoprire

Sicuramente Palazzo Grimani (è ancora chiuso, per la riapertura consultare il sito), Ruga Giuffa, 4858.

Come rilassarsi

Lasciare le zone centrali e perdersi tra calli e fondamenta, senza una meta precisa. Venezia ti fa trovare quello di cui hai bisogno.

Dove fare shopping

Nel mio negozio, Boutique Venetia. Potete trovare velluti stampati a mano, accessori, borse e le pantuffe, le tipiche scarpe dei gondolieri rivisitate. Tutto è made in Venice with love.

Antonia Sautter
Antonia Sautter

Imprenditrice, fondatrice de Il Ballo del Doge, il più esclusivo gala di Carnevale, definire Antonia Sautter con una sola parola è difficile. Realizzatrice di sogni ci sembra la più adatta: basta entrare nel suo atelier per capire che qui tutto è possibile. Proprio come a Venezia.
www.antoniasautter.it

Venezia-San-Marco

Be first to comment