Scuola Symbiosis: un sogno che è realtà

Con l’inizio del 2021 Milano si arricchisce di una nuova eccellenza in ambito scolastico. Il sogno di Stefano Paschina, oggi Managing Director di ICS Milan International School, con alle spalle una laurea in Economia e una lunga carriera allo IED, è diventato realtà.

di Alessandra Cioccarelli | 18 gennaio 2021

In viale Ortles 36, nell’area dello Scalo di Porta Romana, è stato inaugurato Ics Symbiosis, il nuovo Campus che ospiterà tre sezioni di Primary, Middle e High School con IB Program e che porta la firma degli architetti Barreca & La Barra, autori del pluripremiato Bosco Verticale. Intervistato in esclusiva per Club Milano, Stefano Paschina, a capo di una società che attualmente fattura 7 milioni di euro l’anno, ci racconta del nuovo progetto e delle sue ambizioni per un futuro non troppo lontano.

Stefano Paschina

Più di 11 anni fa è nata l’idea di una scuola in inglese che insegnasse il design ai bambini fin dalle elementari. Come è riuscito a realizzare il progetto di ICS Symbiosis?

Quando si continua a fare lo stesso sogno per tanti anni e si incontra anche i giusti collaboratori, niente è impossibile. Oggi tra i soci ci siamo io, mia moglie Laura Ballabio e Zaira Onorino, ex collega all’Accademia del Lusso. L’avventura è cominciata nel 2009 in via Pietrasanta con Ludum School, un asilo nido che contava 18 iscritti, ed è continuatoa nel 2015 con  l’acquisizione della sede di via Fontanili dove i bambini sono diventati 300 nell’arco di 7 anni. In seguito c’è stata  la partnership con la KC School, fino a che, tre anni fa, è arrivata un’offerta irrinunciabile. Il fondo Providence che controlla Globe Educate, network mondiale di 54 scuole, ha proposto di comprarci: abbiamo accettato alla condizione che ci facessero un Campus e… hanno rispettato l’accordo. Oggi abbiamo questa bellissima sede costruita alla velocità della luce, realizzata in 18 mesi compresivi del periodo del Covid. Merito della riuscita è stato anche il forte sostegno del Comune di Milano e di Covivio.

Una scuola con una forte vocazione al design porta la firma di Barreca e La Barra. In che modo l’edificio realizzato rispecchia la vostra idea di scuola?

Barreca e La Varra sono venuti a scuola e hanno condiviso il progetto con i bambini, gli insegnanti, i genitori e con noi di ICS. È nato quindi da subito come un progetto partecipato che tiene conto delle esigenze di tutti. Da fuori sembra una vecchia polaroid e l’idea è che peschi le immagini dal futuro perché poi diventi una fucina di idee. La scuola vuole essere una scuola-laboratorio ed entrando ci si rende conto che le classi sono pensate come un laboratorio culturale dove i designer fanno parte del corpo docente. Il Campus, sviluppato su 5 piani, ospiterà i 3 cicli scolastici di elementari, medie e superiori ascensionalmente sui diversi livelli,  mentre al piano terra le attività collettive (mensa, palestra, piscina e auditorium) si aprono alla città e al grande playground esterno. Uno spazio dotato di un campo da gioco polifunzionale che potrà di volta in volta trasformarsi in campo da tennis, basket, calcetto e pallavolo, e affiancato alla palestra indoor e alla piscina coperta semi-olimpionica.

Gli interni della scuola dell’infanzia di Ics Symbiosis

Tra le sfide di ICS quest’anno c’è stato il Covid e la didattica a distanza. Come vi siete organizzati in tal senso?

Ci siamo adattati subito alla didattica online, consapevoli che questo cambiamento sarebbe diventato gradualmente parte della nostra didattica standard. La didattica a distanza è stata un’opportunità per entrare ancora più in connessione con il network di 50 scuole di cui facciamo parte. Se ho ottimi insegnanti di design a Milano, eccellenza a livello musicale a Barcellona o sportiva a Valencia… perché non usare la condivisione e cooperazione tra scuole? Noi abbiamo fatto questo e vogliamo continuare a creare lezioni e seminari online per i nostri studenti. E il mio sogno è che questo possa essere ogni tanto proposto anche a esterni per facilitare una maggiore democraticità della scuola. Del resto abbiamo già all’attivo un gemellaggio con la scuola Elsa Morante: grazie a un accordo con il Municipio 5 ICS Symbiosis gratuitamente metterà a disposizione di questo istituto pubblico i propri docenti di lingua inglese e i propri laboratori di design.

E a livello di offerta didattica che tipo di scuola sarà?

ICS Symbiosis è una scuola internazionale che segue il curriculum IB (International Baccalaureate). Quest’anno abbiamo primaria e medie, l’anno prossimo inaugureremo anche le superiori di 4 anni. Il nostro obiettivo è avere 3 sezioni di elementari, 3 di medie e 3 di superiori. Symbiosis sarà scuola STEAM – Science Technology Engineering Art -, una scuola sperimentale paritaria riconosciuta dal Ministero. Noi soci fondatori veniamo dal mondo del design e  ritenevamo giusto dare a Milano una scuola internazionale ma che partisse dalle radici del territorio milanese come il design.  Lavoriamo e lavoreremo tanto con le aziende come la Fiat che ci dà la possibilità  di progettare ad esempio di progettare con nostri bambini l’auto del futuro. Ogni cinque settimane inoltre abbiamo una settimana del design. I designer lavorano a stretto contatto con i teacher fin dalla materna. La nostra scuola mette al centro anche il digitale: ogni bambino dalla prima elementare riceve il proprio Ipad e la tecnologia compenetra la didattica più tradizionale; non dipendiamo dal digitale, ma  abbiamo la consapevolezza che la tecnologia è un mezzo per risolvere problemi.

Un corridoio alla Ics Symbiosis di viale Ortles

In cosa si differenzia la vostra scuola dalla didattica tradizionale?

Prima di tutto centrale è il design approach. Io credo che la nostra scuola, anche quella pubblica, abbia dei punti di eccellenza. La scelta del curriculum IB ci permette di dare però al modello italiano una maggiore flessibilità oltreche le certificazioni internazionali necessarie per le migliori università al mondo. Si parte da un solido programma ministeriale italiano, insegnato per l’80% in lingua inglese (italiano, spagnolo e cinese le altre lingue apprese fin dalla materna) con una vocazione internazionale e una forte attenzione al mondo del lavoro. Con il design approach noi formiamo fin dalla tenera età dei problem solver. Il nostro  payoff un tempo era “Diventare bambini” perché i bambini non hanno paura di sbagliare. Io voglio formare degli studenti che non abbiamo paura di sbagliare.

Symbiosis sarà una realtà aperta anche al quartiere e interazioni esterne. Come avverrà questo?

Symbiosi sorge in un’area destinata a diventare un  importante distretto culturale della città, quello di Municipio 5. La nostra piscina, gestita dalla società Nexus, e il playground sono stati progettati per essere fruiti anche dal pubblico esterno alla scuola, dalla città o da altri istituti. In base all’accordo con Municipio 5 poi gli abitanti del quartiere avranno una scontistica del 50% per accedere alla nostra piscina e al campetto di calcetto e pallavolo. E anche il nostro servizio di doposcuola sarà aperto a studenti esterni.

Stefano, perché una famiglia dovrebbe scegliere di trasferirsi a Milano?

Milano è la città più completa al mondo. È camaleontica, creativa, capace di mettersi in discussione e reinventarsi anche nei momenti più difficili. Inoltre è ben collegata a tutto, da Milano sei vicino a Genova, a Torino, a Verona, anche alla Svizzera. La città è immersa in un tessuto produttivo in continuo fermento, unico al mondo.

E ora, altri sogni nel cassetto?

Ics Symbiosis collaborerà  con realtà come Naba Domus Academy poiché crediamo nell’importanza di un legame tra la scuola e aziende. Personalmente poi sto lavorando a un progetto legato all’intelligenza artificiale, ovvero una scuola biennale parauniversitaria per formare professionalità sempre più richieste dall’azienda, a oggi non ancora formate dalla scuola.

Le sedi di ICS

ICS Milano 2
strada di Spina, Via Fratelli Cervi, 20090 Segrate (MI)

ICS Tenca
via Carlo Tenca, 2, 20124 Milano

ICS Orti
via Orti, 18, 20122 Milano

ICS Symbiosis
viale Ortles, 36, 20139 Milano

Head Office
via Pietrasanta, 14, 20141 Milano

info@icsmilan.com
+39 02 36592694
www.icsmilan.com

Commenti

commenti

Be first to comment