Arancioni, ma con gusto

nuove aperture Milano, Lasagna Factory

A Milano le nuove aperture dimostrano grande forza di volontà nel settore della ristorazione, nonostante il vento a sfavore. I ristoranti, adesso chiusi a pranzo, continuano a lavorare in modalità take away o con consegna a domicilio. Abbiamo scelto per voi alcune insegne da scoprire, tra progetti inediti e locali appena inaugurati.

di Marco Torcasio | 1 marzo 2021

La Lombardia è di nuovo zona arancione a partire da oggi. Le restrizioni vigenti vietano il servizio al tavolo e in presenza, ma consentono l’asporto fino alle 18 nei bar e fino alle 22 nei ristoranti. La consegna a domicilio invece non ha limiti d’orario. L’instabilità che contraddistingue ormai da mesi lo scenario cittadino e nazionale non ha però comportato battute d’arresto per alcuni progetti del mondo della ristorazione. Tra insegne che raddoppiano e vere e proprie nuove aperture, Milano dimostra grande forza di volontà e iscrive negli indirizzi gastronomici da non perdere alcune novità da testare.      

Osteria Alla Concorrenza

Diego Rossi, il cuoco di Trippa, ha da poco svelato la sua seconda insegna milanese: l’Osteria alla Concorrenza. Un nuovo progetto in chiave street food che vuole essere luogo di sosta e di ristoro. L’intenzione dell’ideatore, affiancato dai soci Josef Khattabi ed Enricomaria Porta, è quello di ricreare un’osteria come quelle d’un tempo, in cui star bene con poco, un buon bicchiere di vino, salumi e formaggi. Tra i piatti veloci, da consumare al bancone, troveremo tartare di cavallo, insalate di nervetti, lingue, cudeghin (cotechino in dialetto milanese, ndr) e conserve. L’osteria aprirà nei prossimi giorni e, anche in caso di eventuale regime arancione, il locale rimarrà aperto al pubblico somministrando vino d’asporto. Le etichette dall’Italia e dal mondo già messe a sistema sono circa 300.

nuove aperure Milano, Osteria alla Concorrenza

Lasagna Factory

Debutta a Milano il primo concept restaurant dedicato esclusivamente alla lasagna, proposta in oltre dodici varianti che spaziano da quella classica a quelle gourmet. Ogni lasagna è ispirata a una regione italiana per evocare profumi e sapori locali: ragù bianco d’anatra e besciamella verde agli spinaci; ragù di mare con pasta nera, porcini, tartufo e besciamella al tartufo tra gli abbinamenti più golosi. Una grande novità è la lasagna che porta il nome del locale e che reinterpreta sapori tipici milanesi. Nel piatto il tradizionale ragù di manzo è sostituito infatti dal ragù di ossobuco, realizzato con carne di Fassona piemontese, e la besciamella si colora di zafferano, tipico ingrediente della tradizione meneghina.

nuove aperture, Lasagna Factory Milano, lasagna Veneto

Quore Italiano

Presente a Milano dal 2015 con quattro locali, il format ideato dall’imprenditore Marcello Rizza e Giuseppe Beani ha inaugurato in questi giorni la quinta location in via Vincenzo Capelli 2, a pochi passi da Piazza Gae Aulenti. Il menù creato dall’Executive Chef Francesco de Marco è ispirato alla tradizione regionale italiana, ma con un twist più contemporaneo e un focus specifico sui prodotti emiliani, in particolare salumi e gnocco fritto. In cucina Tymur Isayev, ex Dry Milano, fa suo il claim “pizza, pasta e tradizione” con il quale Quore Italiano racconta il suo nuovo corso. La licenza poetica con la “Q” iniziale al posto della “C” vuole evidenziare la vocazione alla ricerca della “Qualità” in ogni suo aspetto: dalla proposta gastronomica agli interni del locale fino al servizio. Tra le altre nuove aperture di Milano, questo locale effettua consegna a domicilio, a pranzo (12-15) e cena (19-22), tramite Glovo, Deliveroo e Uber Eats.

nuove aperture Milano, Quore Italiano, foto Laura La Monaca
Foto di Laura La Monaca

Loste Café

Design danese e stile essenziale. Apre in città Loste Café, nuova caffetteria con wine bar del duo Stefano Ferraro e Lorenzo Cioli. Due nomi noti agli appassionati di alta cucina, Ferraro è stato infatti per lungo tempo pastry chef del celebre Noma di Copenaghen, anche se nel suo curriculum vanta altre esperienze di rilievo nelle cucine di Joël Robuchon, Gordon Ramsay e Alberto Hernandez. Anche Cioli arriva dal Noma, dove è stato sommelier, ma conta anche esperienze al 108 e da Iluka, sempre a Copenaghen. Il progetto architettonico del locale è di Giulio Marchesi.

nuove apeture Milano, Loste Café

Poke House

Poke House porta un angolo di California in via Spallanzani con un nuovo locale che si aggiunge a quelli già presenti in città. Il format è giovane e innovativo: sia nell’offerta culinaria, con ricette che si ispirano alla West Coast, sia nello stile, attraverso un design che colpisce per l’intensità dei colori che rievoca quelle atmosfere calde e accoglienti tipiche delle città californiane. Le poke bowl rivisitate in chiave californiana e arricchite da salse preparate rigorosamente in “House”, possono essere composte in autonomia oppure seguendo le ricette/signature.

Poke House

Indirizzi

Osteria alla Concorrenza
Via Melzo 12, Milano

Lasagna Factory
Via Pavia 6/2, Milano

Quore Italiano
Via Vincenzo Cappelli 2, Milano

Loste Café
Via Guicciardini 5, Milano

Poke House
Via Spallanzani 16, Milano

Commenti

commenti

Comments are closed.