La Lettera 22 tricolore

Lettera 22 Olivetti

Fu uno dei prodotti Olivetti di maggior successo negli Anni ’50. La Lettera 22, storica macchina per scrivere meccanica e portatile, oggi rivela un rinnovato fascino grazie a un progetto di restauro destinato a far breccia nel cuore dei collezionisti.

di Redazione Web Club Milano | 15 aprile 2021

È uno degli oggetti più iconici nella storia del design italiano. Fa parte delle collezioni permanenti del MoMA di New York ed è stata premiata con il Compasso d’Oro nel 1954. Nel 1959 è stata scelta dall’Illinois Technology Institute come il miglior prodotto in termini di design degli ultimi 100 anni. Stiamo parlando della Lettera 22 di Olivetti, forse il prodotto che più di ogni altro ha reso famosa in tutto il mondo l’azienda di Ivrea.

Progettata nel 1950 da Giuseppe Beccio e disegnata da Marcello Nizzoli, la Lettera 22 ebbe un successo immediato nel mercato di massa, entrando in modo diffuso nelle case degli italiani e rivelandosi di grande utilità per i ragazzi e gli studenti. Non solo, è stata la macchina per scrivere di grandi personaggi come Enzo Biagi, Pier Paolo Pasolini, Günther Grass e molti altri. Anche Indro Montanelli non se ne separava mai, come si può apprezzare dalla statua commemorativa situata all’ingresso dei Giardini di Via Palestro a lui dedicati. A Milano si possono ammirare ben sei modelli di Lettera 22 in tre collezioni diverse al Design Museum della Triennale.

Lettera 22, un anniversario speciale

Nell’ambito delle celebrazioni per i 70 anni dall’inizio della sua produzione, l’Associazione Archivio Storico Olivetti, in collaborazione con Olivetti x Tutti e Rinascente, presenta una versione speciale della macchina. La grafica tricolore è un omaggio al Made in Italy e al design italiano che Olivetti ha contribuito a far conoscere.

L’Associazione Archivio Storico Olivetti ha eseguito un intervento di restauro conservativo su 70 macchine storiche. La meccanica torna alla sua funzionalità originale riscoprendo tutti quei segni che il tempo e il lavoro svolto hanno lasciato e che danno alla macchina un fascino unico. Ogni esemplare è numerato da 1 a 70 e abbinato al numero di matricola originale della macchina. Questo rende ogni pezzo unico e irripetibile.

Le macchine sono visibili e acquistabili all’interno dello store Rinascente di Milano Piazza Duomo, al Design Supermarket situato al basement floor. Fino al 10 maggio sarà possibile acquistare le macchine (sino a esaurimento degli esemplari a disposizione) e una selezione di prodotti Olivetti x Tutti, tra cui le riproduzioni dei poster più famosi dedicati alla celebre portatile. Dal 19 aprile è possibile fare acquisti anche online.

Olivetti Lettera 22
photo credits @ olivettipertutti

Un oggetto di culto del design italiano

In questo contesto prende forma uno spazio creato per l’occasione con grafiche e documenti storici appositamente selezionati a partire dalle collezioni dell’Associazione Archivio Storico Olivetti. Si potrà così rivivere la storia di questo oggetto di culto che ha contribuito in maniera significativa all’affermazione del design italiano nel mondo.

«Questo progetto di valorizzazione rientra in un percorso di comunicazione che vuole attualizzare, raccontare e rendere contemporanei anche storici prodotti iconici del nostro passato con un po’ di creatività e viene dopo le monete e il francobollo realizzati nel corso del 2020 con l’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato e Poste Italiane» dichiara Gaetano di Tondo, Presidente dell’Associazione Archivio Storico Olivetti. «Per chi non sarà a Milano in questa occasione, i nostri canali social, come quelli dei nostri partner, saranno un’ottima fonte per scoprirne i dettagli».

Commenti

commenti

Comments are closed.