L’agenda dell’Arte

mostre musei milano zona gialla, Triennale

In zona gialla, la riapertura al pubblico di mostre, musei e gallerie a Milano coincide con l’avvio di numerose iniziative che permetteranno di tornare a vivere insieme la cultura, sempre nel pieno rispetto delle disposizioni per la tutela della sicurezza dei visitatori, degli artisti e dei lavoratori.

di Redazione Web Club Milano | 4 maggio 2021

La pandemia ha sconvolto il mondo intero in maniera inaspettata, travolgendo ogni aspetto della nostra vita: dalle relazioni con le persone che amiamo, alla percezione delle nostre case e città, fino al nostro lavoro e alla nostra organizzazione. I musei non si sono potuti sottrarre a questi cambiamenti e il settore culturale è stato tra i più colpiti, con ripercussioni economiche, sociali e psicologiche a breve e lungo termine. La crisi, tuttavia, sta fungendo anche da catalizzatore nella promozione delle innovazioni. Alcune sono già in atto: maggiore attenzione alla digitalizzazione e creazione di nuove forme di divulgazione culturale.

Con il tema “Il futuro dei musei: rigenerarsi e reinventarsi”, l’International Museum Day 2021 (IMD 2021) si avvina: ogni anno ricorre il 18 maggio. L’appuntamento invita i musei, i professionisti del settore e le loro comunità a sviluppare, immaginare e condividere nuove pratiche di (co)creazione di valori, nuovi modelli commerciali per le istituzioni culturali e soluzioni innovative per le sfide sociali, economiche e ambientali del presente.

A Milano le disposizioni vigenti in zona gialla consentono la riapertura di mostre, musei e sedi espositive durante tutta la settimana, con obbligo di prenotazione solo il sabato e nei giorni festivi. Pertanto, nei giorni feriali, dal martedì al venerdì (lunedì è giorno settimanale di chiusura), tutte le sedi sono aperte con ingresso libero, compatibilmente con il contingentamento imposto dai protocolli di sicurezza.

Triennale Milano

La programmazione di Triennale Milano torna in presenza dal martedì alla domenica, dalle ore 11.00 alle ore 20.00 e dialoga con le attività digital: contenuti speciali, visite guidate, incontri e podcast dedicati alle mostre pubblicati sul sito e sui canali social dell’istituzione. Dal 27 aprile al 15 ottobre torna anche Triennale Estate. Oltre 5 mesi di programmazione nel Giardino di Triennale, un ricco calendario di eventi pomeridiani e serali: incontri, festival, proiezioni, spettacoli, concerti, performance, laboratori per bambini e tante altre attività. Nei prossimi al via quattro mostre molto attese, che vanno ad aggiungersi alla grande retrospettiva Enzo Mari curated by Hans Ulrich Obrist with Francesca Giacomelli, prorogata fino al 12 settembre 2021.

Vico Magistretti. Architetto milanese
(11 maggio – 12 settembre 2021)

In collaborazione con Fondazione Magistretti, a cura di Gabriele Neri, direzione artistica di Lorenza Baroncelli. Mostra inizialmente prevista l’anno scorso per il centenario della nascita di Magistretti.

Carlo Aymonino. Fedeltà al tradimento
(14 maggio – 22 agosto 2021)

Da una idea di Livia e Silvia Aymonino, a cura di Manuel Orazi, direzione artistica di Lorenza Baroncelli. Dedicata a uno dei protagonisti dell’architettura italiana.

Les Citoyens, uno sguardo di Guillermo Kuitca sulla collezione della Fondation Cartier pour l’art contemporain
(6 maggio – 12 settembre 2021)

A cura di Guillermo Kuitca. Seconda esposizione organizzata nell’ambito del partenariato della durata di otto anni che unisce Triennale alla Fondation Cartier di Parigi.

Vitrea. Vetro italiano contemporaneo d’autore
(5 maggio – 22 agosto 2021)

A cura di Jean Blanchaert. Secondo appuntamento del ciclo di mostre Mestieri d’Arte & Design. Crafts Culture, realizzato con Fondazione Cologni.

mostre musei milano zona gialla, Triennale
David’s Living Room Revisited, 2014-2021, 2018, © Guillermo Kuitca, Foto © Olivier Ouada

Fondazione Prada

Gli spazi espositivi di Milano, dove sono visibili la nuova mostra di Simon Fujiwara “Who the Bær” (fino al 27 settembre 2021) e il progetto permanente “Atlas” che presenta una selezione di opere della Collezione Prada in cinque piani espositivi della Torre, sono aperti al pubblico dal giovedì alla domenica, dalle 10 alle 19. Nel rispetto delle norme in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica, l’ingresso è contingentato e richiede l’acquisto del biglietto online fino alle ore 24 del giorno precedente alla visita. Nel periodo estivo sarà proposto un programma cinematografico di proiezioni all’aperto.

Simon Fujiwara - Ph Miro Kuzmanovic - Kunsthaus Bregenz
Simon Fujiwara – Ph Miro Kuzmanovic – Kunsthaus Bregenz

Fabbrica del Vapore

Apre il 5 maggio a Milano alla Fabbrica del Vapore – Sala delle Colonne, “Nessuno Escluso”, la coinvolgente mostra di Christian Tasso, a cura di Adelina von Fürstenberg, prodotta da ART for The World. L’artista fa emergere – attraverso le sue fotografie – storie, situazioni e aspirazioni di persone con disabilità in varie parti del mondo. Le immagini non mettono in evidenza la loro “diversità”, ma il forte contributo che la loro inclusione porta alla società. La mostra rimarrà aperta fino al 28 maggio 2021. Ingresso gratuito. Per visitare la mostra è necessaria la prenotazione online sul sito dedicato.

Monti Niligiri India 2017 ©Christian Tasso
Monti Niligiri India 2017 © Christian Tasso

Museo del Novecento

Riapre il Museo del Novecento e la mostra “Carla Accardi. Contesti”, la prima mostra monografica dedicata da un’istituzione pubblica all’artista trapanese (1924-2014), a sei anni dalla sua scomparsa. Curata da Maria Grazia Messina e Anna Maria Montaldo con Giorgia Gastaldon, la mostra è prodotta da Comune di Milano|Cultura, Museo del Novecento ed Electa. Il pubblico potrà tornare a visitare l’esposizione dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 19.30, con prenotazione obbligatoria nei fine settimana da effettuare con un giorno di anticipo. La visita della mostra si svolge nel rispetto delle misure in vigore per la prevenzione del contagio, con un numero di ingressi che consente il distanziamento tra il pubblico nelle sale.

ph. Robeto-Pini, allestimento mostra Carla Accardi. Contesti
ph. Robeto-Pini, allestimento mostra Carla Accardi. Contesti

Spazio d’Arte Scoglio di Quarto

Il viaggio come atto del pensiero che conduce alla conoscenza, l’arte come inclinazione della mente che permette un ampliamento dei propri orizzonti. C’è tutto questo nelle opere di Andrea Manzitti che compongono la mostra “Isole, mappe e portolani”, a cura di Elisabetta Longari. Aperta al pubblico dal 4 al 25 maggio, si tiene allo Spazio d’Arte Scoglio di Quarto di Milano, a pochi passi dalla Darsena. L’intera vicenda artistica di Andrea Manzitti, nato a Santa Margherita Ligure, ha nel viaggio il punto di snodo della propria espressività pittorica, così come suggerisce lo stesso titolo della mostra, che richiama la reinterpretazione da parte dell’autore delle carte geografiche, delle mappe e dei portolani di una volta. Da martedì a venerdì dalle 17 alle 19 con obbligo di prenotazione. Sabato e domenica solo su appuntamento tramite e-mail oppure sms 348-5630381.

mostre musei milano zona gialla. Andrea Manzitti, Portolano, 2019, tecnica mista su carta cotone Amalfi,
Andrea Manzitti, Portolano, 2019, tecnica mista su carta cotone Amalfi

Commenti

commenti

Comments are closed.