Destinazione bresaola

valtellina, bresaola

Cinque itinerari in Valtellina all’insegna della bresaola e dell’enogastronomia. Partendo proprio dal più rappresentativo prodotto del territorio per scoprire, tra malghe e rifugi, dove storia a natura si incontrano.

di Simone Zeni | 21 luglio 2021

Ah, la bresaola, salume a base di carne di manzo tipico della Valtellina. Apprezzatissimo dagli estimatori della nuova tavola quanto dai cultori del proprio corpo e dell’alimentazione healthy.

Andare a scoprire i territori in cui nasce potrebbe essere per i milanesi un ottimo spunto per delle vacanze all’italiana poco distanti da casa. Destinazione Bresaola, dunque: gli itinerari gastronomici che possono nascere lungo la via di questo salume sono molteplici.

Tra paesaggi incontaminati e borghi montani ricchi di storia, abbiamo deciso di suggerirvi delle escursioni proprio partendo delle mete: rifugi e malghe in cui assaporare la bresaola. Senza dimenticare gli altri prodotti tipici valtellinesi, dal Bitto ai chisciöi, dai vini ai pizzoccheri, dal Casera agli sciatt.

Rifugio Palù

Qui si trova la tipica cucina valtellinese. Bresaola e vari salumi locali ma anche formaggi, pizzoccheri, polenta e taroz. Un autentico rifugio in cui è piacevolmente avventuroso passare anche la notte. Per arrivare al Rifugio Palù si parte dalla località San Giuseppe di Chiesa Valmalenco. Dopo un percorso nel sentiero tra le conifere si giunge davanti alla spettacolare vista di del lago, situato a 1921 metri sul livello del mare. Un panorama tanto stupefacente in estate quanto magico d’inverno.

Valmalenco_MonteRoggione_Fioriture_Rododendri_LagoPalù
Valmalenco, Monte Roggione, LagoPalù

Laghetto di Grosotto

Qui troviamo la nostra bresaola come ingrediente richiestissimo per panini e piadine. Ai margini di un laghetto sportivo ha sede infatti un bar pizzeria molto informale dove ci si può gustare anche un gelato artigianale nel pomeriggio. Attorno le cose da vedere sono molteplici. Dal Castello Nuovo si apre la suggestiva vista della Rupe Magna, la più grande roccia con incisioni rupestri d’Europa, e degli impianti idroelettrici della centrale di Grosio. Si prosegue poi verso la parrocchiale di San Giuseppe, la chiesa di San Giorgio e la Villa Visconti Venosta. Non molto distante troviamo il Santuario della Beata Vergine di Grosotto.

Malga Trela

La Malga Trela è al centro di una delle conche prative più belle delle Alpi dove, grazie al contatto con la natura, si ritorna alle origini. Questo è il paradiso degli amanti della montagna e dei bikers. Qui, al ristorante dell’Agriturismo Rini, la bresaola e i prodotti della Valtellina in generale si presentano con il tocco gourmet del ristorante. E c’è anche un caseificio con vendita ridetta. Il percorso per arrivarci è davvero suggestivo: seguendo le indicazioni fino alle baite di Trela si arriva alla confluenza di quattro verdissime valli. Successivamente si trovano le bocche di Trela, a 2348 metri sul livello del mare, con vista unica che arriva fino alla Valfurva.

Rifugio Cristina

A Lanzada, in località Alpe Prabello, troviamo il Rifugio Cristina. A 2287m nel cuore delle Alpi Valtellinesi, nella pace più assoluta, questo rifugio fu costruito da Ersilio Bricalli nel 1924 (in onore della moglie) e oggi lo gestisce la quarta generazione della famiglia. La cucina è quindi casalinga, con tutte le specialità valtellinesi sempre presenti. Brasaola in primis. L’ubicazione del rifugio e il panorama circostante parlano da sé. Posizione strategica per ottimi percorsi ad anello che collegano parte dei rifugi della Valmalenco, l’Alpe Prabello è un luogo molto apprezzato dalle famiglie per la sua sicurezza. I bambini possono infatti giocare in assoluta tranquillità senza correre alcun rischio. Al contempo, per gli amanti dell’avventura, nelle vicinanze è presente anche una piccola parete di arrampicata. Da qui partono poi diverse escursioni per i più preparati.

Rifugio La Casermetta

Partendo dal parcheggio del cimitero si Dazio si può giungere al Rifugio La Casermetta. Si passa da Cólmen e dalla località Crotto. Destinazione: la cima. È proprio qui che si trova questa casetta suggestiva che prendere il nome dalla vecchia funzione di postazione militare durante la Prima Guerra Mondiale. Qui il gestore accoglie chi arriva con eccellenze genuine da magiare e da bere. E al ritorno, si può proseguire lungo la dorsale del monte verso ovest, incontrando piccoli laghetti stagionali.

Bresaola della Valtellina

Indirizzi

Rifugio Palù
Località Lago Palù, Chiesa in Valmalenco (SO)

Laghetto di Grosoto
Parco Prati di Punta, Grosotto (SO)

Malga Trela
Località Cancano, Valdidentro (SO)

Rifugio Cristina
Alpe Prabello, Valmalenco (SO)

Rifugio La Casermetta
Dazio (SO)

Commenti

commenti

Comments are closed.